menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La scritta contro Don Ciotti - Foto di Igor Petyx

La scritta contro Don Ciotti - Foto di Igor Petyx

"Sbirri siete voi, don Ciotti secondino", scritta choc contro il fondatore di Libera alla Noce

Il messaggio, che stamattina si trovava sul muro all'ingresso della villetta intitolata a Rosario Di Salvo, è già stato cancellato. La settimana scorsa una scritta simile era apparsa a Locri, in Calabria

"Sbirri siete voi, don Ciotti secondino". La scritta contro il fondatore di Libera è apparsa stamattina in via Nazario Sauro, alla Noce ed è sparita qualche ora dopo. Ignoti gli autori della pulizia. Quel che è certo è che quando gli operai delle Reset sono giunti sul posto per cancellare il messaggio qualcuno lo aveva già fatto così si sono limitati a dare una seconda passata.

Il messaggio palermitano, scritto con vernice nera, si trovava su un muro all'ingresso di una villetta pubblica intitolata a Rosario Di Salvo, l'autista di Pio La Torre ucciso con il segretario regionale del Pci il 30 aprile del 1982. A poca distanza un'altra scritta, "Dalla Chiesa assassino", con il disegno di una falce e martello e la firma Br. Anche questa è stata cancellata.

Non si sono fatte attendere le reazioni dei politici. "Come  don Ciotti e il generale Dalla Chiesa, noi del Partito democratico di Palermo siamo tutti sbirri e assassini”, twitta Carmelo Miceli, segretario provinciale del Pd. "A nome mio, dell'intera Amministrazione e di tutta la città condanno il gesto di qualche incivile che oggi ha infangato la memoria del Generale Dalla Chiesa e la figura di Don Ciotti - commenta il sindaco Orlando -. Ho immediatamente disposto la cancellazione di quelle scritte che nulla hanno a che fare con il percorso antimafioso della città, oggi orgogliosamente non più governata dalla mafia”. 

La scorsa settimana, a Locri, in Calabria, era apparsa una scritta simile alla vigilia della manifestazione nazionale in ricordo di tutte le vittime della mafia: "Don Ciotti sbirro", il messaggio comparso sui muri dell'arcivescovado dove il fondatore di Libera alloggiava.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento