Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Parco Cassarà nell'incubo: sotterrate scorie industriali tossiche

È la nuova pista investigativa che emerge dalle indagini coordinate dal procuratore aggiunto Petralia. E adesso bisognerà individuare i responsabili che potrebbero aver utilizzato materiali contaminati per spianare il terreno del parco

Sotterrate dalle erbacce, seppellite dai silenzi. A poco più di mesi dal sequestro preventivo del parco Cassarà per la presenza di amianto nel terreno, arriva una notizia bomba. A far compagnia all'eternit, sotto le collinette del parco ci sarebbero anche scorie tossiche di altri cantieri cittadini. A riportarlo è l'edizione di oggi de La Repubblica.  È questa la nuova pista investigativa che emerge dalle indagini coordinate dal procuratore aggiunto Petralia.

Il lavoro della magistratura va avanti. Durante le verifiche eseguite dal tecnico nominato dalla Procura su una delle collinette, è stato scoperto e sequestrato un tubo con la scritta "Fincantieri", oltre a notevoli quantità di residui di sabbiatura e verniciatura che vengono dai cantieri navali.

Come se non bastasse tutto fa pensare che le operazioni di indagine prima e di bonifica dopo vadano per le lunghe, dal momento che la porzione di parco “incriminata” è molto vasta e c’è il sospetto che l’amianto nel terreno sia presente in gran quantità. Almeno così lascia intendere il procuratore aggiunto Dino Petralia, che ha disposto il sequestro. Ma adesso spunta un nuovo incubo: le scorie tossiche. E ora bisognerà individuare i responsabili che potrebbero aver utilizzato materiali contaminati per spianare il terreno del parco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco Cassarà nell'incubo: sotterrate scorie industriali tossiche

PalermoToday è in caricamento