menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Saldi “taroccati”, due denunce: “Costretti per colpa della crisi”

Scoperti in Centro dalla guardia di finanza due negozi che gonfiavano il prezzo originale applicando poi la percentuale di sconto. Scattate foto alle vetrine prima dell'inizio delle promozioni

Finti sconti in Centro. Sono stati scoperti dalla guardia di finanza che ha denunciato due commercianti. Le fiamme gialle tenevano sott'occhio da giorni quindici negozi per individuare eventuali raggiri. Il monitoraggio consisteva nel rilevamento dei prezzi di vendita al pubblico nei giorni precedenti all'inizio dei saldi, anche mediante fotografie delle vetrine, per poi confrontarli con quelli esposti durante i giorni delle promozioni.

Questo metodo ha permesso di accertare che due negozi di abbigliamento e calzature del centro cittadino avevano organizzato un semplice, ma efficace trucco: gonfiare il prezzo originale, praticato prima dell'avvio dei saldi, applicandoci poi la percentuale di sconto, in realtà del tutto fasulla. In tal modo, al cliente veniva fatto credere di "fare un affare" quando, in realtà, il prezzo richiesto era di fatto uguale a quello praticato prima della promozione. Ai titolari dei due esercizi sono state applicate sanzioni amministrative comprese fra i 1.291 e i 3.873 euro. A giustificazione del loro comportamento, i due commercianti hanno tirato in ballo le difficoltà economiche connesse all'attuale periodo di crisi. La guardia di finanza proseguirà – assicurano - il monitoraggio per tutto il periodo dei saldi.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento