Cronaca Libertà / Via Emanuele Notarbartolo

Via Notarbartolo, sit in di ex detenuti Scontri con le forze dell’ordine

I manifestanti del comitato "Palermo Migliore" hanno protestato di fronte all'assessorato regionale all'Economia chiedendo un incontro con Armao. Passano le ore e si riscaldano gli animi: ferito un carabiniere

Un momento della protesta in via Notarbartolo

Tafferugli fra i manifestanti del comitato "Palermo Migliore" e gli agenti della forze dell'ordine questa mattina in via Notarbartolo di fronte all'assessorato regionale dell'Economia. Gli ex detenuti del comitato stazionavano in strada attendendo un incontro con il capo di Gabinetto Francesco Nicosia e l'assessore all'economia, Gaetano Armao.

Circa duecento ex detenuti del Comitato Palermo Migliore hanno indetto un sit in da ieri per avere risposte sul progetto proposto da Fabrizio Sanfilippo, presidente del comitato, alle istituzioni per dare lavoro e dignità agli ex detenuti. Una piccola delegazione è stata fatta entrare alle ore 9. "Dentro una stanza di 6 metri quadrati - dichiara Fabrizio Sanfilippo - e abbiamo atteso più di un'ora senza essere ricevuti. Ci hanno trattati come bestie, in una stanzetta minuscola e senza farci parlare con nessuno  abbiamo atteso fino alle 11 ma senza esito”. Dopo lunghe attese alle 13 si accenna ad un nuovo incontro, anche questo andato a vuoto.

Gli ex detenuti attendono fuori dall'assessorato, intonando qualche coro chiedendo soltanto: “lavoro, lavoro, vogliamo dare da mangiare ai nostri figli”. Sanfilippo comunica che, qualora non ricevessero risposte, scioglierebbe il sit-in. L'attesa sotto il sole cocente diventa pesante e la tensione si alza. Vola qualche parola di troppo e il nervosismo sfocia in tafferuglio. Un agente scivola, batte la testa e si fa male. Arriva l'ambulanza (dopo essere rimasta bloccata in mezzo al traffico ndr) che lo trasporta in ospedale. Arrivano così altri agenti, per un totale di circa cinquanta fra poliziotti e carabinieri. La situazione torna alla normalità. Una piccola delegazione torna dentro l'edificio, capeggiata da Sanfilippo, questa volta per incontrare davvero l'assessore Gaetano Armao e il capo di gabinetto Francesco Nicosia.

Si attende la fine dell'incontro ma dopo mezzora ancora nulla. Nel frattempo gli uscieri dell'assessorato chiacchierano sull'accaduto: "E' sempre la stessa storia. Ma i soldi si troveranno. I politici promettono, fanno aspettare, danno i lavoro per sei mesi e poi si torna alla situazione di prima. Per di più, poi  ci saranno le elezioni”. Si attendono aggiornamenti sull’esito dell’incontro.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Notarbartolo, sit in di ex detenuti Scontri con le forze dell’ordine

PalermoToday è in caricamento