rotate-mobile
Cronaca

Giro di scommesse illegali, scarcerati due palermitani

E' stata annullata l’ordinanza di custodia cautelare per Vincenzo Provenza e Gaetano Terrana, finiti ai domiciliari lo scorso 4 maggio nell’ambito dell’operazione “Master Bet”

Erano finiti agli arresti domiciliari lo scorso 4 maggio nell’ambito dell’operazione “Master Bet” su un presunto giro di scommesse illegali on line, ma adesso il tribunale del riesame di Catania ha deciso di annullare l’ordinanza di custodia cautelare emessa nei loro confronti: tornano dunque liberi due palermitani, Vincenzo Provenza e Gaetano Terrana (difesi rispettivamente dagli avvocati Dario Gallo e Riccardo Bellotta). 

L’inchiesta, coordinata dalla Procura di Catania, aveva fatto tremare tutto il Paese: tredici gli arresti compiuti in tutta Italia, decine di perquisizioni e anche il sequestro di 47 centri scommesse. Nel registro degli indagati erano finite anche altre 97 persone.
Secondo gli inquirenti, attraverso sette siti web di scommesse, che non avrebbero avuto la necessaria autorizzazione statale e con piattaforme a Malta, la presunta associazione per delinquere finalizzata alle scommesse illegali sarebbe riuscita ad incassare qualcosa come dieci milioni di euro al mese. Denaro che sarebbe stato poi riciclato, anche attraverso operazione in rete, perché se ne perdessero le tracce.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giro di scommesse illegali, scarcerati due palermitani

PalermoToday è in caricamento