Banda del totonero gestiva le scommesse clandestine a Palermo: condanne confermate

La decisione della Corte di Cassazione sui quattro componenti dell’associazione a delinquere che ha "operato" fino al 2010

La Corte di Cassazione ha confermato le condanne per quattro componenti della "banda del totonero", un’associazione a delinquere che fino al 2010 gestiva il settore delle scommesse clandestine in provincia di Palermo. Il tribunale supremo ha confermato le condanne disposte dalla Corte di Appello di Palermo nei confronti di Fabrizio Spoto (2 anni), Leonardo Siciliano (3 anni e 6 mesi), Enrico Splendore (3 anni e 6 mesi) e Paolo Costanzo (2 anni), i cui ricorsi sono stati dichiarati inammissibili.

"Secondo l’accusa - spiega Agipronews - gli imputati avevano organizzato un’associazione che gestiva il settore delle scommesse clandestine tra Palermo, Bagheria e Villabate. Il perno sarebbe stato Splendore, titolare di alcuni centri scommesse ufficiali dove invece sarebbero state raccolte giocate clandestine. In particolare, gli imputati avevano elaborato un programma 'che consentiva di immettere le scommesse in un circuito illecito parallelo, garantendo alla associazione ingenti guadagni in caso di perdita da parte dello scommettitore e riversando, invece, le vincite sulla rete di scommesse autorizzate'.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per la Cassazione, tutti i ricorsi risultano "manifestamente infondati", generici e "sostanzialmente riproduttivi degli atti di appello", già respinti dal tribunale palermitano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Straordinario ritrovamento a Caltavuturo: scoperta strada del secondo secolo Dopo Cristo

  • Coronavirus, altri 65 nuovi casi in Sicilia: Palermo la provincia più colpita

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento