menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Blocco dei tir al porto (foto Lo Giudice/PalermoToday)

Blocco dei tir al porto (foto Lo Giudice/PalermoToday)

Tir, via ai cinque giorni di sciopero Blocchi al porto e in autostrada

E' scattata la protesta "Operazione vespri siciliani" contro la crisi e per l'abbassamento delle accise su carburanti. Allo svincolo di via Oreto una ventina di mezzi restringono la carreggiata all'ingresso della Palermo-Catania

Blocchi e traffico in tilt al porto e all’ingresso dell’autostrada Palermo-Catania dalla rotonda di via Oreto fino a Villabate. E’ scattato lo sciopero dei trasporti in Sicilia chiamato dagli organizzatori “Operazione vespri siciliani”. La protesta, promossa da “Forza d'urto” - il movimento nato da Autotrasportatori Aias, Movimento dei Forconi, pescatori, imprenditori agricoli e da altre organizzazioni - durerà cinque giorni, e si concluderà alla mezzanotte di venerdì prossimo.

Allo svincolo di via Oreto una ventina di mezzi sono posteggiati e restringono la carreggiata. “Si tratta una rivoluzione pacifica - dice Rossella Accardo, portavoce del Movimento dei forconi, che dalla scomparsa nel 2008 del figlio Stefano Martorana ed ex marito ha iniziato una battaglia 'per la difesa dei diritti’ - non vogliamo danneggiare i siciliani, ma fare capire a tutti che devono essere trovate soluzioni a questa crisi. Staremo qui notte e giorno fino a venerdì”. Il movimento chiede anche l'abbassamento delle accise sui carburanti “che pesano troppo - dicono gli organizzatori - sul trasporto delle merci penalizzando fortemente le nostre produzioni”.

“Il blocco attuato in Sicilia è dannoso ed inopportuno: dannoso perché una iniziativa di questo tipo messa in piedi solo in Sicilia danneggerà pesantemente l’economia dell’isola creando notevoli disagi ai cittadini; inopportuno perché lo scorso 11 gennaio il governo nazionale ha già assunto impegni precisi con le maggiori associazioni dell’autotrasporto. Oltretutto si ha la sensazione di essere di fronte ad protesta di natura politica, che poco ha a che fare con i veri problemi della categoria”. Lo dice Salvatore Bonura, segretario regionale Cna-Fita (Federazione Italiana Trasportatori Artigiani).



 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento