menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavoratori della scuola e del trasporto in sciopero: mezzi pubblici fermi anche a Palermo

Annunciato un presidio in via Cavour davanti alla Prefettura. I lavoratori dell'Amat incroceranno le braccia dalle 9 alle 13. Previsto il rientro in deposito di bus e tram. I Cobas chiedono al Governo Draghi "un cambio di passo"

Quello di domani si annuncia come un venerdì nero con un doppio sciopero nazionale: quello del settore del trasporto pubblico locale proclamato da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal, Ugl, Cobas e quello della scuola voluto da Cobas-comitati di base con Priorità alla Scuola e il Coordinamento nazionale precari scuola. Una manifestazione è in programma anche a Palermo, con presidio in via Cavour davanti alla Prefettura dalle 10 e i lavoratori dell’Amat incroceranno le braccia per quattro ore: dalle 9 alle 13.

"Siamo stati facili profeti quando, all’avvento di Draghi, presentato come il risolutore di tutti i drammi sanitari ed economici non risolti dal precedente governo Conte-bis, prevedemmo che a breve ci saremmo ritrovati, malgrado il Recovery Plan, di fronte alle stesse precarietà, inefficienze e disorganizzazioni del precedente Governo - dicono i Cobas - A tutt’oggi nessun cambiamento di rotta significativo si è visto". 

Sempre domani è in programma lo sciopero nazionale dei rider: niente consegne per un giorno intero e un flash mob alle 16 nel piazzale Capitaneria di Porto sul lungomare della Cala.

Sciopero della scuola

I Cobas parlano di "sconcertante gestione europea nella vicenda Astrazeneca" e chiedono "un impegno massiccio e urgente, che non c’è, intanto per sostenere i settori economicamente più colpiti, quelli della microimpresa, del piccolo lavoro autonomo, dell’artigianato, dello sport e dello spettacolo, del turismo e della ristorazione. E altrettanto urgente è un intervento massiccio nei tre settori-chiave della vita sociale in questa fase, scuola, sanità e trasporti, ove invece non si vedono segnali di impegni rapidi e significativi". Secondo il sindacato "particolarmente impressionante è l’inerzia per quel che riguarda le scuole. Chiudendole anche laddove i contagi non erano aumentati, si è di nuovo scelta la via più facile per le strutture amministrative, ma la più deleteria per studenti, soprattutto i più piccoli, e famiglie, abbandonati al purgatorio della dad. Ed è ancora più preoccupante che niente si stia facendo non solo per riportare il più rapidamente in presenza piena gli studenti ma neanche per garantire che tutto ciò non si ripeta anche nel prossimo anno scolastico". 

I manifestanti chiedono che "almeno la gran parte dei 20 miliardi di euro già previsti dal Recovery Plan per la scuola siano destinati a ridurre a 20 il numero massimo di alunni per classe e a 15 in presenza di alunni diversamente abili; a garantire la continuità didattica e la sicurezza, assumendo con concorsi per soli titoli i docenti con 3 anni scolastici di servizio e gli Ata con 24 mesi; ad intervenire massicciamente nell’edilizia scolastica per avere spazi idonei ad una scuola in presenza e in sicurezza".

Sciopero del trasporto pubblico locale

I Cobas Lavoro Privato settore Trasporti aderiscono allo sciopero nazionale. In città i lavoratori dell’Amat incroceranno le braccia per quattro ore: dalle 9 alle 13. Previsto il rientro in deposito di bus e tram. Sul fronte del trasporto pubblico locale, secondo i Cobas "gli investimenti sulla sicurezza, non solo per ridurre il rischio contagi da Coronavirus, sono stati del tutto insufficienti, malgrado i lavoratori abbiano sempre garantito il servizio in modo esemplare anche in questa fase di emergenza sanitaria". Il sindacato ribadisce la richiesta "dell'immediato avvio del confronto per il rinnovo del Ccnl scaduto nel 2017, finalizzato ad un adeguamento salariale e normativo". "Sosteniamo le rivendicazioni dello sciopero nazionale – afferma Carlo Cataldi, coordinatore regionale dei Cobas Lavoro Privato settore Trasporti – e auspichiamo che in Sicilia e a Palermo il trasporto pubblico locale venga rilanciato con interventi quali l'aumento dei mezzi e il potenziamento del personale viaggiante".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento