menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto archivio)

(foto archivio)

Vendita biglietti in calo e modifiche dei turni, dipendenti Amat annunciano sciopero

Il 26 febbraio i lavoratori incroceranno le braccia dalle 11.30 alle 15.30. Sindacati contro i vertici aziendali: "Inadeguati nella programmazione e nella gestione. La mobilità dei cittadini è diventata un calvario"

Mancata riorganizzazione dei turni di lavoro e vendita dei biglietti Amat in calo. I dipendenti della società partecipata che si occupa del trasporto pubblico hanno annunciato uno sciopero per il prossimo 26 febbraio, dalle 11.30 alle 15.30. A proclamare lo stato di agitazione i sindacati Cobas e Ugl: "Il nuovo nastro lavorativo e la riorganizzazione delle linee di autobus, in vigore dal primo gennaio, hanno trasformato la mobilità dei cittadini in un vero e proprio calvario”. I sindacati puntano il dito contro i vertici della società, considerati inadeguati nella programmazione e nella gestione ordinaria.

Lanciando la giornata del 26 febbraio Antonino La Barbera e Corrado Di Maria, rispettivamente segretario regionale dei Cobas settore trasporti e segretario provinciale Ugl-Autoferrotranvier, chiedono ai cittadini di supportare la protesta dei lavoratori, preoccupati per il trend della vendita di titoli di viaggio in calo. Nel 2015 l'Amat ha incassato 5,7 milioni di euro dai biglietti, contro i 7,3 milioni nel 2014. I primi dati relativi al 2016, sottolineano i sindacati, "sarebbero tutt'altro che incoraggianti: nonostante la spinta del tram, a gennaio complessivamente le vendite dei titoli di viaggio dovrebbero attestarsi a quota 400 mila euro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento