Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

"Vietato nascere", da Palermo via allo sciopero dei ginecologi

Il capoluogo siciliano è la sede di una manifestazione nazionale per sollecitare il mondo politico a prendere atto dei problemi della categoria. Le sale parto resteranno chiuse, a meno di emergenze, e ci saranno oltre mille nascite in meno

Sale parto chiuse, oltre mille nascite in meno e un’adesione del circa 90 per cento. Sono questi i numeri del primo sciopero nazionale di 24 ore di ginecologi e ostetriche che intendono così sollecitare il mondo politico a prendere atto dei problemi della categoria, anche in relazione alla sicurezza dei punti nascita sul territorio.

La manifestazione, che ha come sede proprio Palermo, è indetta da Fesmed, Aogoi, Sigo, Agui, Agite, Sieog e Aio, le principali sigle di categoria. I ginecologi e gli ostetrici d'Italia interromperanno l'attività di routine e si recheranno al San Paolo Palace Hotel per protestare e chiedere maggiori garanzie sul loro futuro professionale

Sale parto quindi “chiuse” per protesta. Nasceranno, secondo le stime, circa 1.100 bambini in meno perchè i cesarei programmati per oggi sono stati tutti rinviati. I ginecologi ricordano che saranno garantite le emergenze e le prestazioni non differibili, dichiarandosi pronti a riprendere il servizio qualora nei punti nascita dovessero verificarsi delle situazioni critiche. Ferme da questa mattina anche le attività di ambulatori ostetrici e consultori familiari sul territorio, con una mobilitazione che riguarda in totale circa 15mila professionisti.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Vietato nascere", da Palermo via allo sciopero dei ginecologi

PalermoToday è in caricamento