Cronaca

Forconi minacciano blocco merci, prime code ai distributori di benzina

Dopo l’annuncio di un "blocco totale della penisola" a partire dalle ore 22 dell'8 dicembre, a Palermo gli automobilisti hanno iniziato a correre ai ripari cercando di assicurarsi un pieno di carburante. La protesta dovrebbe andare avanti fino al 13

Coda in via Villa Sofia

I Forconi minacciano, i palermitani temono di restare a secco e si mettono in coda ai distributori di benzina. Dopo l’annuncio di un "blocco totale della penisola" a partire dalle ore 22 dell'8 dicembre, la psicosi da “serbatoio a secco” ha attanagliato la maggior parte degli automobilisti che già da oggi stanno correndo ai ripari. File di auto in diversi distributori: via Terrasanta, ex Motel Agip, piazza Leoni, via Villa Sofia (nella foto) e tanti altri.

LEGGI ANCHE: PRESIDI E BLOCCO MERCI, I FORCONI TORNANO ALLA RIBALTA

Nei giorni scorsi tramite un post su Facebook i Forconi hanno invitato "tutti coloro che vogliono partecipare alla rivoluzione e non possono raggiungere i presidi di protesta a manifestare pacificamente davanti al municipio del proprio comune e chiedere al Sindaco di aprire le stanze dei bottoni ai cittadini". Il blocco, dalle prime informazioni, si prolungherà "sino al 13 dicembre".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forconi minacciano blocco merci, prime code ai distributori di benzina

PalermoToday è in caricamento