Cronaca Politeama / Via Cavour

Sciopero contro la manovra Monti Sit in davanti alla prefettura

Contro un "provvedimento iniquo" i sindacati "chiedono tagli agli sprechi, riqualificazione della spesa e tutela dei ceti deboli e sostegno alla crescita". Protesta anche dei forestali senza stipendio da ottobre

Sit in contro la manovra Monti in via Cavour

"Salviamo l'Italia ma con dignità". Così recitava lo slogan dei manifestanti che oggi hanno protestato con un sit in davanti alla prefettura contro la manovra Monti. "Chiediamo che tutta la politica ascolti le richieste di Cgil, Cisl e Uil - dicono - per avviare una fase di crescita, lavoro e sviluppo. In sicilia questa manovra sproporzionata ed iniqua rischia di aggravare la fase recessiva esistente. Chiediamo pertanto tagli agli sprechi, riqualificazione della spesa e tutela dei ceti deboli, sostegno alla crescita per avviare la ripresa della nostra Regione".

I sindacati hanno confermato lo sciopero di tre ore indetto per oggi, ma il governo non cambia la strategia.  Lo sciopero a Palermo si è svolto con un presidio di tre ore a fine turno e un sit in in via Cavour dalle 14.30 alle 17.30.

“Ribadiremo - spiegano i tre segretari generali di Cgil Cisl e Uil Palermo, Maurizio Calà, Mimmo Milazzo e Antonio Ferro - la nostra contrarietà alla manovra e la nostra pressante richiesta affinché venga modificata nel corso dell'iter parlamentare”. Durante il sit-in i tre segretari chiederanno un incontro al Prefetto per ribadire la richiesta di “un tavolo di trattativa che possa modificare la manovra nel segno dell'equità, abbassando il carico di tasse e di tagli sulle persone meno abbienti”.

E in via Cavour c'erano anche i lavoratori forestali che nella provincia di Palermo protestano "perchè attendono dalla Regione il pagamento degli stipendi arretrati di ottobre, novembre e quelli di dicembre - dichiara Tonino Russo, della Flai Cgil di Palermo -. Siamo qui sotto a protestare in attesa che il prefetto, che ha convocato per questa sera l'assessore all'Agricoltura e l'assessore al Bilancio, trovi un accordo col governo regionale. Gli operai stanno continuando a lavorare anche se non vengono pagati da due mesi. Ci sono 6 mila famiglia in maggioranza mono reddito senza stipendio. Un numero - concludono - che sale a 7.500 con i lavoratori dell'antincendio".


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero contro la manovra Monti Sit in davanti alla prefettura

PalermoToday è in caricamento