Sciopero dei bus, i sindacati: “L’adesione è stata del 75%”

I lavoratori dell’Amat hanno incrociato le braccia per quattro ore, dalle 9.30 alle 13.30, per chiedere tra le alte cose “'la firma del contratto di servizio con il Comune”. Ma i Cobas contestano i numeri: “Sciopero era sbagliato nei tempi e nei modi”

E' stata del 75%, secondo i sindacati, l'adesione allo sciopero di quattro ore, dalle 9.30 alle 13.30, dei lavoratori Amat, indetto da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Orsa e Faisa Cisal, per chiedere ''la firma del contratto di servizio con il Comune, un parco mezzi adeguato, un servizio efficiente per i cittadini, risposte sul futuro dell'Azienda''. Su 190 vetture, infatti, a rientrare in deposito sono state 125, 65 i mezzi in strada.

''Ci auguriamo - spiegano i sindacati - che il sindaco provveda subito a rinnovare il contratto di servizio con l'azienda per offrire ai cittadini un servizio adeguato alle loro esigenze e per salvaguardare il futuro dei 1700 lavoratori e delle loro famiglie. Il contratto dovrà precisare quali sono i servizi che l'azienda dovrà garantire e soprattutto con quali risorse''. I sindacati denunciano ''macchine insufficienti nel numero e nella qualità, poco affidabili, rifornimento metano ancora dipendente dall'esterno malgrado le decine di appelli ripetuti ad ogni occasione, ma soprattutto un bilancio economico-finanziario incerto, non sappiamo infatti come verrà messo in equilibrio e da dove o da chi perverranno le risorse necessarie''.

Ma c’è chi contesta questi numeri. "I numeri sullo sciopero dei lavoratori Amat di stamattina resi noti da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Orsa e Faisa Cisal non corrispondono alla realtà. L'adesione allo sciopero si è fermata al 38% tra gli autisti. Dato che scende vertiginosamente a circa il 15% se consideriamo anche il personale amministrativo e quello delle officine”. Ad affermarlo è Antonino La Barbera , segretario regionale dei Cobas settore Trasporti, sigla sindacale che assieme all'Ugl non ha aderito allo sciopero. Nel dettaglio, su 200 autobus, 76 sono rientrati nei rispettivi depositi di via Roccazzo e Brancaccio. Sono invece 4 su 194 gli amministrativi che hanno scioperato; addirittura solo un meccanico sui 200 dell'officina ha incrociato le braccia.

"Questi sono i dati reali - aggiunge La Barbera -. E' la conferma, così come avevamo anticipato alla vigilia, che questo sciopero era sbagliato nei tempi e nei modi. A questo punto - conclude La Barbera - sarebbe auspicabile evitare altre fughe in avanti e sedersi tutti attorno ad un tavolo per il bene dell'azienda".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento