Schillaci (M5s): “Aziende nel mirino della criminalità, la Regione aiuti subito gli imprenditori in difficoltà”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

La deputata regionale: “L’emergenza in corso può favorire la crescita di attività illegali, estorsioni e indebitamento” “Bisogna scongiurare che le mafie approfittino di questa emergenza, utilizzando la loro liquidità per infiltrarsi nel tessuto produttivo, alimentando un’economia parallela e illegale che fa leva sulla disperazione degli imprenditori, oggi in difficoltà”: lo dice la deputata regionale del Movimento 5 Stelle e componente della commissione Antimafia all’Ars, Roberta Schillaci, che esorta il governo regionale a “monitorare questa situazione – chiede – e prevedere un sostegno economico per le imprese, in attesa degli aiuti statali, mettendo in campo ogni possibile strumento di prevenzione, avvalendosi del lavoro svolto sul territorio dalle associazioni che operano nel settore”. “Occorre costruire una sorta di rete tra forze dell’ordine, prefettura e tutti i soggetti istituzionali per creare un canale di ascolto qualificato per prevenire questi fenomeni di infiltrazione. Si lavori già ora alla prossima finanziaria per creare strumenti che possano aiutare gli imprenditori, dar loro ossigeno ed evitare che cadano nella rete della criminalità. Da più parti, anche dal magistrato Di Matteo, è stato lanciato un allarme sul rischio di nuove infiltrazioni e la Regione ha il dovere di mettere in campo tutte le opportunità per tutelare e sostenere gli imprenditori siciliani”, conclude la deputata M5S.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento