Cronaca Politeama / Via Francesco Crispi

Emergenza sbarchi, al porto arrivano 61 immigrati e 5 cadaveri

Sono stati soccorsi a 50 miglia a nord dalle coste libiche dalla petroliera "Genmaar Compatriot". La Croce rossa e l'Azienda sanitaria provinciale hanno allestito alcuni tendoni per effettuare i primi soccorsi, poi il trasferimento nei centri d'accoglienza

Immigrati africani a bordo della nave - @TmNews/Infophoto

Emergenza sbarchi senza sosta. E' arrivata nel porto palermitano una petroliera con a bordo 61 immigrati e 5 cadaveri. Si tratta dell'imbarcazione "Genmaar Compatriot", che ha accompagnato i profughi africani soccorsi ieri mentre navigavano su un gommone che rischiava di affondare nel Canale di Sicilia, a 50 miglia a nord dalle coste libiche. Allestiti sul molo 420 alcuni tendoni ad opera dell'azienda sanitaria provinciale e della Croce rossa, per effettuare le prime visite mediche e procedere poi al trasferimento nei centri d'accoglienza.

NAVE DELL'ORRORE: "UCCISI MENTRE FUGGIVANO"

"La situazione è sotto controllo - spiegano dalla Guardia costiera -. Le condizioni dei migranti non sono delle migliori, ma abbiamo registrato solo qualche caso di ustione leggera. Purtroppo erano attesi alcuni cadaveri, ma sarà possibile fare una stima precisa solo al termine delle operazioni". Il trasbordo di migranti e cadaveri, provenienti da Senegal, Nigeria e Ghana, è stato operato da tre motovedette della Capitaneria di porto, coadiuvati dagli agenti di polizia e dai funzionari della Prefettura.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza sbarchi, al porto arrivano 61 immigrati e 5 cadaveri

PalermoToday è in caricamento