rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022

VIDEO | All'istituto Padre Messina si fa taglio e cucito, al via la sartoria sociale per le donne

Il corso è rivolto a sette partecipanti, in via prudenziale per le misure anti Covid, ma si arriverà a 15. Si tratta di una delle attività del progetto Odisseo, rivolto ai bambini e alle famiglie della Costa Sud, che dopo il rallentamento causato dalla pandemia torna in piena attività

Un progetto di sartoria sociale per le donne della Costa Sud. Un incontro con i giornalisti per far conoscere la Sartoria sociale che con il ritorno dell’Isola in zona gialla ha potuto finalmente avviare le attività e per fare un primo bilancio del progetto Odisseo finanziato da Con i Bambini - l’impresa sociale interamente partecipata da Fondazione con il Sud - e rivolto ai bambini e alle famiglie della Costa Sud. 

Questa mattina il progetto Odisseo ha riaperto le porte dell’Istituto di padre Messina alla stampa per raccontarsi, mostrare l’hub sociale creato al piano terra della struttura e presentare anche le attività previste per il prossimo tempo d’estate e rivolte a bambini e ragazzi con visite guidate, laboratori, attività di gioco.

L’hub occupa il piano terra dell’Istituto che guarda al porto di Sant’Erasmo: tre sale destinate a diverse attività. Nella prima sala si svolgono i colloqui con i genitori: lo sportello lavoro (lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9,30 alle 12,30) e lo sportello ascolto, per attività di sostegno alla genitorialità (martedì e giovedì dalle 10 alle 12). Una seconda sala è destinata invece al dopo scuola e ai corsi di babysitting dedicati a genitori volontari e rivolti alle famiglie della Costa Sud e che si terranno tra giugno, luglio e settembre. Infine, in altre due stanze è stato creato un laboratorio di sartoria sociale tenuto dalla stilista Alice Salmeri, fondatrice di Sartoria Maqueda e di Mitzica Lab-Store.

A guidare nella visita dell’hub sociale, la responsabile del progetto Odisseo Maria Pia Pensabene e l’assessore alla Scuola, al Lavoro, alle Questioni di genere e al Decentramento del Comune, Giovanna Marano. Presente anche il presidente del Centro Padre Nostro, Maurizio Artale, vicino al progetto fin dall’inizio e da oggi partner ufficiale di Odisseo.

Proiettato anche un breve video dal titolo “Giallo come il sole” che racconta le attività del progetto Odisseo proseguite anche durante i difficili mesi della pandemia grazie alla determinazione e al lavoro di organizzatori, docenti e associazioni coinvolte nel progetto e presentato un primo bilancio delle attività:

Sportello lavoro, aperto a ottobre 2019 ha registrato l'affluenza di 150 utenti; sportello assistenza genitorialitá con attività di tutoring affettivo, aperto a novembre 2019, ha preso in carico 30 famiglie; didattica orientativa a partire dalle scuole elementari: 300 bambini, 100 insegnanti e 30 famiglie; laboratori ludico-ricreativi: competenze stem, strumentario Orff, riuso e riciclo, fitness e educazione alimentare, tempo di mare: oltre 600 bambini coinvolti. 

Diretto dal Cirpe (Centro Iniziative ricerche programmazione economica), il progetto Odisseo è finanziato da Con i Bambini, l’impresa sociale interamente partecipata da Fondazione con il Sud che gestisce il “Fondo nazionale per il contrasto alla povertà educativa” e nasce in partnership con Comune di Palermo, Fondazione Casa Lavoro e Preghiera di Padre Messina, Associazione La Linea della Palma, Pantogra cooperativa sociale, Ecomuseo Mare Memoria Viva, Legambiente Sicilia, Confesercenti Palermo e con 5 scuole: l’Istituto comprensivo Padre Pino Puglisi, la scuola secondaria di primo grado Don Lorenzo Milani, l’Istituto superiore Alessandro Volta, la direzione didattica Francesco Orestano e la drezione didattica Maneri - Ingrassia.

Si parla di

Video popolari

VIDEO | All'istituto Padre Messina si fa taglio e cucito, al via la sartoria sociale per le donne

PalermoToday è in caricamento