"Picchiavano e insultavano gli anziani", arrestate due dipendenti di una casa di riposo

La struttura si trova a San Giuseppe Jato. In manette due operatrici sanitarie. Indagini partite dalla denuncia dei familiari di un'ospite 76enne, che aveva lividi ed ematomi sul corpo. Violenze registrate da una telecamera nascosta

Avrebbero dovuto accudire gli anziani ospiti della casa di riposo in cui lavoravano, ma in realtà avevano creato un clima di terrore e le giornate erano scandite da insulti e violenze. I carabinieri della Compagnia di Monreale hanno arrestato due operatrici sanitarie, dipendenti di una casa di riposo di San Giuseppe Jato, ritenute responsabili "di gravi violenze fisiche e psicologiche ai danni degli anziani ospiti della struttura". Si tratta di B.G., 55 anni, e di S.F., 60 anni, entrambe nate a San Cipirello.

Sono accusate di "avere ripetutamente esercitato violenze fisiche e psicologiche nei confronti di ospiti della struttura e in particolare di un’anziana di 76 anni" da settembre a oggi. A dare inizio alle indagini dei carabinieri è stata proprio la denuncia presentata dai parenti dell’anziana, che da tempo avevano notato lividi ed ematomi sul corpo della vittima.

"Anziana trattata con crudeltà" | VIDEO

I militari dell’Arma hanno immediatamente avvito le indagini e, secondo quanto reso noto, è emerso "un grave quadro indiziario a carico delle due donne, protagoniste in pochi giorni di incresciosi episodi proprio ai danni dell’anziana donna". Le violenze sono state riprese da una telecamera nascosta. "Le scene registrate, che mostrano le indagate vessare gli ospiti della struttura, non potranno essere diffuse proprio per la loro crudezza", spiegano gli inquirenti. Le due donne, su disposizione dell’autorità giudiziaria, sono ai domiciliari in attesa dell’interrogatorio di garanzia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Calcio palermitano in lutto, è morto Carmelo Bongiorno

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Reddito di cittadinanza, parte la fase 2: i lavori socialmente utili diventano obbligatori

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento