San Giuseppe Jato, barriere paramassi a protezione delle case: lavori al via all'ex cava Tarina

Il costone roccioso che minaccia una parte dell'abitato sarà messo in sicurezza. Ad eseguire le opere sarà l'impresa napoletana Cicas srl, che ha superato tutte le verifiche post gara

Confermatasi al primo posto della graduatoria, anche dopo le verifiche post gara, l'impresa napoletana Cicas srl può cominciare i lavori di consolidamento del costone roccioso che minaccia una parte dell'abitato di San Giuseppe Jato.

Si tratta dell'area dove fino a una trentina d'anni fa era attiva una cava - la "Cava Tarina" - la cui attività di estrazione ha reso pericolante l'intero versante, caratterizzato da un'intensa fratturazione e dalla presenza di numerosi blocchi instabili di varie dimensioni. Una situazione di oggettivo pericolo della quale si è prontamente occupato l'Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La struttura commissariale diretta da Maurizio Croce ha consumato tutti i passaggi che hanno consentito di arrivare alla realizzazione delle tanto attese opere di messa in sicurezza. Queste consisteranno, principalmente, nella realizzazione di una serie di barriere paramassi per contrastare eventuali crolli, mentre mediante funi d'acciaio, tiranti e chiodature, saranno fissati in parete tutti i massi pericolanti. Saranno utilizzati, inoltre, alcuni pannelli di rete ad alta resistenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento