"Prestavano soldi con tassi del 520%", arrestati padre e figlio: sequestrati beni per 5 milioni

Indagine della guardia di finanza nata dalla denuncia di un imprenditore che per un prestito di 450 mila euro è stato costretto a restituire in un anno circa un milione. Venti le vittime accertate tra Palermo e provincia. La base operativa dei due era a San Cipirello

Prestavano denaro a chi aveva necessità di liquidità, soprattutto imprenditori, ma poi applicavano tassi di interesse fino al 520% annuo. Due palermitani residenti a San Cipirello, padre e figlio, sono stati arrestati per il reato di associazione a delinquere finalizzata all’usura, estorsione, utilizzo ed emissione di fatture per operazioni inesistenti e abusiva attività finanziaria. Il provvedimento è stato notificato dalla guardia di finanza nei confronti di Santo Sottile (il padre, che è finito in cella) e Alessandro Sottile (il figlio, che è ai domiciliari). Indagata in concorso anche la compagna del più giovane. 

VIDEO | "Gli spacco la testa", così gli strozzini convincevano le vittime

Sono stati inoltre sottoposti a sequestro 7 immobili, 3 aziende e auto e beni di lusso per un valore stimato di oltre 5 milioni di euro. Complessivamente sono 5 le persone indagate nell'ambito dell'operazione denominata "Papillon".

Sos Impresa: "Vicini a chi denuncia"

A dare il via all’indagine è stata la denuncia di un imprenditore che, soffocato dalle pressanti richieste, ha deciso di raccontare ai finanzieri che, a fronte di prestiti per 450 mila euro, era stato obbligato a restituire in un anno circa 1 milione euro. Le indagini condotte dalle fiamme gialle con intercettazioni, pedinamenti e l’analisi della documentazione contabile, extracontabile e bancaria, hanno permesso di ricostruire "un giro di affari milionario alimentato da prestiti usurai che in talune circostanze hanno superato anche il 520% annuo: circa 20 le vittime accertate, identificate prevalentemente in imprenditori operanti a Palermo e nella provincia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Secondo uno schema consolidato nel tempo - spiegano dalla finanza - i prestiti venivano effettuati avvalendosi delle aziende riconducibili agli usurari stessi, tutte esercenti attività di rivendita di materiali per edilizia, i cui conti correnti erano utilizzati sia per erogare il prestito che per l’incasso delle relative rate, avendo cura però di produrre fatture per operazioni inesistenti – quantificate in oltre 1 milione di euro - per giustificare i flussi finanziari. In altri casi, invece, le vittime si rivolgevano direttamente agli usurai, noti nel territorio per la loro attività criminale, per ottenere prestiti di ingenti somme in contanti, rilasciando a garanzia assegni in bianco".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento