Cronaca

Il borseggiatore arrestato è già fuori, foto sugli autobus: "Noi qua non ti vogliamo"

L'iniziativa è dell'Amat che sulle linee 101 e 102 ha affisso la foto di Salvatore Romeo con la scritta "Non ti vogliamo sui nostri autobus". Il giovane, subito dopo l'arresto, si era vantato su Facebook di essere tornato libero

I volantini affissi sui bus

“Non ti vogliamo sui nostri bus”, firmato Amat Palermo. Questo il messaggio affisso da questa mattina all’interno dei bus 101 e 102. Un messaggio rivolto al borseggiatore seriale, Salvatore Romeo, arrestato dalla polizia negli scorsi giorni. Dopo la scarcerazione si era vantato sui social network. L'Amat ha ritenuto necessario assumere questa iniziativa a tutela di tutti coloro, cittadini e turisti, che utilizzano il servizio di trasporto pubblico.  “Abbiamo voluto lanciare un messaggio diretto ed efficace - afferma Antonio Gristina, presidente dell'azienda - rivolto a mettere in guardia i passeggeri ma anche ad affermare la nostra vicinanza e gratitudine alle forze dell'ordine”.

Gli adesivi si trovano sui 30 autobus, che abitualmente sono programmati per le linee 101 e 102 che attraversano il centro cittadino. A rafforzare il messaggio è il fatto che gli adesivi sono realizzati con la foto diffusa proprio dalla polizia e con i contenuti apparsi sulla stampa. Il messaggio è tradotto anche in lingua inglese.

Cobas: "Plauso all'azienda"

Salvatore Romeo, 23 anni, lunedì scorso è stato bloccato in pieno centro dai poliziotti della “Sezione Contrasto al Crimine Diffuso”. Facendo finta di aiutarle a obliterare il biglietto - insieme a un complice, Antonino Salvatore Bellone, anche lui arrestato - aveva rubato il portafogli a due turiste italiane. Condotto negli uffici della Squadra mobile il giorno dopo è stato rimesso in libertà dal giudice in attesa del processo. E così il giorno dopo ha pensato bene di commentare l'articolo che lo riguardava sulla fan page di PalermoToday.

Aiutano turiste a obliterare biglietto, poi le derubano: presi

"Mi dispiace per voi - scrive Romeo - ma alla vostra facciazza e la vostra invidia non mi arrestano mai. Come vedete sono già fuori, comunque se avete qualcosa da dirmi sapete dovete dove trovarmi". Addirittura il 23enne fornisce il punto preciso per chi fosse "interessato" a regolare i conti di presenza. "Non parlate dietro uno schermo o su face (facebook ndr) - continua - venite ad affrontarmi che è meglio. Se venite di presenza io sono sempre alla stazione dove c'è il vecchio giornalaio, vi aspetto". Poi una risposta "ad personam" per un utente che aveva criticato il suo comportamento: "Anzichè parlare, vieni ad affrontarmi. Ti aspetto alla stazione...". Poi il post continua con una serie di insulti e parolacce che non si possono riportare. 

Adesso arriva la risposta dell'Amat. “La tutela dei passeggeri e del nostro personale è una priorità dell'azienda e anche per questo motivo, da oltre un anno, a bordo di molte vetture sono presenti i vigilantes. Non voltiamo la faccia dall’altro lato - continua Gristina -. Spero che questo nostro primo passo possa condurre verso una più proficua collaborazione anche con i cittadini, che invitiamo a denunciare senza remore gli episodi di borseggio”.

Apprezzamento viene espresso dal sindaco Leoluca Orlando che afferma come "questa iniziativa si inserisce ed è in sintonia con quelle realizzate negli anni in città da tanti cittadini singoli e organizzati contro ogni forma di grande e piccola criminalità, dal pizzo ai posteggiatori abusivi. È un segno di sintonia culturale e collaborazione fra aziende, istituzioni e cittadini, per affermare che non ci sono a Palermo zone franche".

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il borseggiatore arrestato è già fuori, foto sugli autobus: "Noi qua non ti vogliamo"

PalermoToday è in caricamento