Ragazzini scomparsi 27 anni fa, svolta grazie alle merendine: ci sono due indagati

Sono state trovate alcune confezioni in una casa di Casteldaccia, il paese da dove i due giovanissimi di 12 e 15 anni sparirono il 31 marzo 1992. La Dda di Palermo ha disposto analisi scientifiche

Salvatore Colletta e Mariano Farina

Sono trascorsi 27 anni dalla scomparsa di Mariano Farina e Salvatore Colletta. Solo ora il ritrovamento di alcune confezioni di merendine in una casa di Casteldaccia, il paese da dove i due ragazzi di 12 e 15 anni sparirono il 31 marzo 1992, potrebbero portare a una svolta nel caso.

Come si legge sul sito di 'Chi l'ha visto', la Dda di Palermo ha disposto analisi scientifiche sugli involucri, abbastanza conservati perché non biodegradabili, ritenuti risalenti al periodo della scomparsa. Indagati zio e nipote possessori dell'abitazione in cui si trova la cisterna, secca da tempo, in cui i reperti sono stati rinvenuti su indicazione di uno o più collaboratori di giustizia. Il più giovane, all'epoca 14enne e amico dei due ragazzi, dopo la loro scomparsa fu processato per il furto di una barca e ottenne il perdono giudiziale. Un episodio che avrebbe coinvolto anche Farina e Colletta. L'amico è Vincenzo Rosselli, oggi 40enne, indagato insieme allo zio, Guido Rosselli. Il sospetto dell'epoca è che i due ragazzini furono vittime di ‘lupara bianca' per aver curiosato nella villa che al tempo fu del boss Michele Greco.

La scomparsa

Era la mattina del 31 marzo 1992 quando a Casteldaccia (a 5 chilometri da Bagheria e 20 da Palermo), Salvatore e Mariano decidono di marinare la scuola e organizzano un pic-nic al mare. Si fanno accompagnare da un loro amico, in motorino, alla spiaggia a due chilometri dal paese, davanti alle ville che fuori stagione sono chiuse. Comprano succhi di frutta e biscotti per un totale di 8.000 lire che addebitano sul conto della famiglia Farina. Al momento di congedarsi dall'amico, Salvatore e Mariano gli dicono di non voler ritornare a casa. "Vogliamo fare un giro per vedere com'è la vita", dice Mariano. Da quel momento i ragazzi non danno più loro notizie. Le ricerche cominciano la sera stessa. Vengono controllate le ville sul mare, le vecchie case abbandonate e tutte le campagne dei dintorni, senza esito.

In passato i due ragazzi avevano manifestato qualche desiderio di fuga. Mariano, per esempio, aveva il mito dell'America, dove aveva già vissuto da piccolo con la famiglia, fino al '90, e dove sognava di ritornare. Ma in paese molti ricordano ancora la triste vicenda dei tre bambini scomparsi nel 1968 a poca distanza da Casteldaccia e mai più ritrovati, nonostante le minuziose ricerche.

Nei primi dieci giorni di assenza, diverse segnalazioni arrivarono alla redazione di 'Chi l'ha visto?' da Bagheria, Caltanissetta e Palermo. Durante la puntata del 10 aprile del 1992 più di una telefonata arrivò da Palermo, da parte di persone che dicevano di aver visto i ragazzi da poche ore. Si è sperato di essere a un passo dal ritrovamento. E invece niente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I padri di Salvatore e Mariano hanno vissuto nel frattempo una vera odissea che li ha portati a girare mezza Europa, seguendo ogni possibile traccia, anche a rischio di cadere vittima degli sciacalli. Un'altra segnalazione dell'epoca, aveva portato il padre di Mariano a seguire invano la pista dei nomadi, arrivando fino in Jugoslavia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Gli insulti, la sparatoria in piazza e la chiamata al 112: "Questa è l'arma con cui l'ho ucciso"

  • Incidente a Boccadifalco, schianto tra 2 auto: tre feriti, uno è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento