rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Bambino cianotico salvato dalla polizia, il padre in una lettera: "Un miracolo"

E' accaduto nella zona della stazione centrale, dove alcuni agenti hanno visto un uomo scuotere un bambino al balcone. Poi il tempestivo intervento, in attesa dell'ambulanza. Il piccolo, di circa 10 anni, ha vari problemi fisici ma non più l'indennità di accompagnamento

Salvato dal passaggio casuale di una volante e dal tempestivo intervento dei poliziotti. E’ accaduto nella notte nella zona della stazione centrale dove gli agenti, vedendo un uomo al balcone che scuoteva un bambino, si sono fermati per capire cosa stesse succedendo. Il padre del piccolo Edoardo, di circa 10 anni (lo chiameremo così per ragioni di privacy), si è precipitato giù per le scale con il figlio in braccio per facilitare l’intervento. Gli agenti hanno subito eseguito alcune manovre d’emergenza sul bambino, in quel momento cianotico, contattando nel frattempo un’ambulanza del 118. "Quei due hanno salvato la vita a mio figlio e per tutta la vita sarò grato per il miracolo che hanno fatto", ha scritto il padre in una lettera di ringraziamento.

A raccontare l’accaduto è la madre del piccolo, adesso ricoverato nel reparto di Neuropsichiatria dell’Ospedale dei Bambini. "Eravamo andati a mangiare fuori - spiega la donna - e poco dopo essere rientrati mio figlio si è sentito male mentre stava giocando. A quel punto mio marito l’ha portato fuori per fargli prendere un po’ d’aria nella speranza di aiutarlo a respirare meglio. Era svenuto, ma per fortuna è passata quella volante di polizia". I due agenti - prosegue nel racconto la madre - sono intervenuti per aiutare il piccolo Edoardo e liberargli le vie aeree. Poi l’arrivo del personale sanitario, che ha preso in cura il piccolo prima della volata in ospedale.

Edoardo dovrà passare ancora un giorno in ospedale per degli accertamenti, prima di rientrare a casa e ricominciare la sua vita, resa ancora più difficoltosa dopo essere stato privato dell’indennità di accompagnamento. Il piccolo, infatti, oltre a soffrire di favismo e di costanti crisi epilettiche, ha alcune malformazioni al braccio e al cuore. "Prima avevamo quei soldi in più che ci servivano per prenderci cura di lui. Non so per quale strana ragione ma la commissione di valutazione ha deciso che lui sta bene e che non ci spetta più nulla. Abbiamo dato incarico a un avvocato del patronato per capire cosa fare, ma sono quattro mesi che aspettiamo risposta".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambino cianotico salvato dalla polizia, il padre in una lettera: "Un miracolo"

PalermoToday è in caricamento