menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gli John Gangarossa e Francesco Lavignani con Rosalia

Gli John Gangarossa e Francesco Lavignani con Rosalia

Le "scoppia" una vena e rischia di morire dissanguata, poliziotti salvano donna

L'intervento risale a due notti fa, in via Principe di Scordia, dove una 83enne era rimasta bloccata per un problema fisico. Gli agenti le hanno bloccato la ferita con una tovaglia utilizzata a mo' di laccio emostatico fino all'arrivo dell'ambulanza

Le urla di un’anziana e la chiamata di un vicino. Poi la volata di due "angeli" a sirene spiegate e l'arrivo in un'abitazione, teatro di una scena raccapricciante. La polizia ha salvato una donna di 83 anni vittima di un problema fisico mentre si trovava a casa sua, in via Principe di Scordia. Gli agenti, una volta arrivati nell'appartamento, hanno visto già sulle scale d’ingresso numerose macchie di sangue. In attesa dell’ambulanza hanno utilizzato una tovaglia da tavola a mo’ di laccio emostatico, mettendo degli stracci per tamponare la ferita.

Ad allertare la sala operativa del 113 un vicino di Rosalia (così si chiama la donna ndr) che, nella notte fra il 5 e il 6 settembre, l’ha sentita gridare e invocare aiuto. Dopo esserle "scoppiata" una vena nella gamba sinistra, alla vista già parecchio gonfia e tumefatta, l’83enne aveva iniziato a perdere molto sangue, tanto da rischiare di collassare e morire. Gli agenti arrivati sul posto, dopo aver richiesto l’intervento di un’ambulanza, si sono messi in contatto con i medici per effettuare un primo soccorso ed evitare che la donna potesse dissanguarsi completamente.

Rosalia è stata quindi messa in posizione orizzontale, medicata e tenuta sveglia fino all’arrivo dell’ambulanza che l’ha trasportata al pronto soccorso del Policlinico. Lì le sono fatte diverse trasfusioni per ristabilire i valori del sangue e permetterle di recuperare le forze. Poi l’arrivo del figlio dell’anziana e la sua compagna compagna, che hanno ringraziato i poliziotti John Gangarossa e Francesco Lavignani del commissariato Oreto per la prontezza e i medici per aver salvato la donna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento