menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nelle farmacie un opuscolo per spiegare i benefici della medicina omeopatica

Lo scopo è quello di fare chiarezza sull'utilizzo della medicina a basso dosaggio, le sue possibilità terapeutiche e le possibili applicazioni

Conoscere i benefici dei farmaci omeopatici e i loro possibili usi. E' lo scopo dell'opuscolo “Medicina omeopatica omotossicologica – la medicina dei bassi dosaggi” che sarà distribuito gratuitamente entro la fine del mese di marzo nelle principali farmacie di Palermo e delle altre province siciliane. La campagna di diffusione dell’opuscolo è stata promossa dalla Libera Accademia di Medicina Biologica - Lamb in collaborazione con l‘associazione Medica Italiana di Omotossicologia Amiot e con il patrocinio dell’assessorato regionale alla Salute e di Federfarma Sicilia. Alla presentazione alla stampa erano presenti, tra gli altri, il sindaco Leoluca Orlando, il responsabile della Lamb, Edmondo Palmeri, Roberto Tobia di Federfarma Palermo, Giovanni Gorga in rappresentanza di Amiot e il consigliere Giovanni Apprendi.

L'iniziativa ha l'obiettivo di presentare, promuovere, ma soprattutto di far chiarezza sull'utilizzo della medicina omeopatica - omotossicologia, le sue possibilità terapeutiche e le possibili applicazioni di competenza dei medici esperti e appositamente formati. Oggi i farmaci omeopatici - omotossicologici sono venduti solo in farmacia ed è  in atto una regolamentazione sulla formazione dei medici esperti. Inoltre, come è emerso nel corso della conferenza stampa, sono al lavoro, presso gli ordini provinciali dei medici, le commissioni per l'iscrizione dei medici competenti, in appositi registri così come è operativa da tre mesi, presso l'assessorato regionale alla Salute una commissione di esperti appositamente nominati per accreditare le scuole di medicina omeopatica, medicina omotossicologica, fitoterapia, medicina antroposofica e agopuntura. 

Sul tema della omeopatia il sindaco Orlando ha annunciato che nei prossimi giorni invierà una lettera al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin per sollecitare la concessione di una proroga (alle aziende omeopatiche italiane) dei termini per la presentazione dei dossier all'Aifa in modo da regolarizzare definitivamente la registrazione dei farmaci omeopatici, come già avvenuto in altri paesi europei. "La proroga si rende necessaria - ha detto Orlando -  al fine di evitare ripercussioni finanziarie e occupazionali nel settore oltre che di reperibilità di numerosissimi farmaci omeopatici di produzione italiana presenti sul mercato da decenni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento