menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fabrizio Averna e Marco Sollami

Fabrizio Averna e Marco Sollami

Milano, due palermitani al Salone del Mobile: "La nostra città come le grandi metropoli europee"

Fabrizio Averna e Marco Sollami sono stati selezionati per progettare ed esporre una collezione di arredi al Salone Satellite 2017, punto di incontro per eccellenza tra imprenditori talent-scout e i più promettenti progettisti a livello internazionale

Si occupano di progettazione di interni e spazi commerciali, design del prodotto, grafica e servizi di art direction per le aziende. Due palermitani sono stati selezionati dal Salone del Mobile a Milano, per progettare ed esporre una collezione di arredi al Salone Satellite 2017, punto di incontro per eccellenza tra imprenditori talent-scout e i più promettenti progettisti a livello internazionale. Fabrizio Averna e Marco Sollami, dopo anni trascorsi a fare esperienza in importanti studi di architettura e design italiani e all’estero, nel 2016 hanno dato vita al progetto Domino. La loro base è Palermo. 

"Insieme - dicono - abbiamo deciso di dar vita a un’idea: il progetto come elemento di progresso e di miglioramento, l’architettura e il design riportate su un piano strettamente connesso al contesto e agli utenti. Così è partito il progetto Domino. La collezione da una parte è ispirata da uno stile antico, contestualizzato nel presente delle nostre case che guardano all’eleganza e alla modernità, e mira a fornire un’interpretazione del concetto di estetica nei prossimi anni. Altri oggetti sono più pensati guardando al  panorama del design nord-europeo, minimalista, in cui le essenze naturali la fanno da padrone, con un aspetto più fresco e friendly".

Tutti i prodotti sono stati realizzati da professionisti palermitani. "Non è stato semplice trovare degli artigiani che realizzassero quello che avevamo in mente, molti infatti non avevano intenzione di misurarsi con produzioni alle quali non fossero abituati. Con perseveranza e anche un po di fortuna, abbiamo però trovato professionisti dalle menti aperte che potessero garantirci gli standard qualitativi a cui aspiriamo". E il risultato lo conferma.

"In controtendenza con quello che si pensa in questo momento storico, al Sud specialmente, siamo tornati per poter dare un contributo al cambiamento di questa città. Ci sentiamo responsabili del futuro del luogo in cui siamo nati, abbiamo guardato le città che abbiamo visitato in questi anni con il sogno che la nostra Palermo possa splendere quanto le grandi metropoli europee un giorno, con spazi pubblici progettati a misura di cittadino e attività commerciali di qualunque genere studiate in ogni aspetto per poter dare ai clienti qualità, cura del particolare e modernità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento