Cronaca

Ultimi giorni per la Tari, Federconsumatori chiede proroga: "Avvisi ricevuti in ritardo"

Il presidente dell'associazione, Lillo Vizzini, si rivolge al sindaco: "Alla luce della scadenza ravvicinata degli avvisi che stanno pervenendo, la decisione di prorogarne la scadenza sia assolutamente inevitabile"

"In questi giorni, tanti palermitani stanno tempestando di chiamate lo sportello di Federconsumatori per lamentare il ricevimento dei modelli di pagamento del saldo della Tari 2020. I cittadini ne contestano la data di scadenza: 2 dicembre 2020". Lo denuncia la stessa associazione.

“Ci sono cittadini che stanno ricevendo gli avvisi di pagamento proprio questa settimana, a ridosso della data di scadenza. Data che, peraltro, coincide con  il consueto assembramento mensile degli uffici postali, per il pagamento delle pensioni - sostiene Lillo Vizzini, presidente di Federconsumatori Palermo - Di questo passo, è probabile che ci saranno cittadini che riceveranno gli avvisi già scaduti. In questi giorni ci era sembrato di percepire l'intenzione del sindaco Orlando di  rinviare il pagamento del saldo Tari, per venire incontro alla cittadinanza in sofferenza per la pandemia. Ritengo che, alla luce della scadenza ravvicinata degli avvisi che stanno pervenendo, la decisione di prorogarne la scadenza sia assolutamente inevitabile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ultimi giorni per la Tari, Federconsumatori chiede proroga: "Avvisi ricevuti in ritardo"

PalermoToday è in caricamento