rotate-mobile
Cronaca

Ryanair, cancellati voli "palermitani": "Vicenda paradossale, chiedete il rimborso"

Spiega AirHelp, il servizio di reclami per disservizi "aerei": "In generale le cancellazioni e i ritardi dei voli possono dare diritto ai passeggeri a un risarcimento fino a 600 euro". Ecco come fare

Sono quattro i voli Ryanair cancellati da e per Palermo, un problema che sta interessando viaggiatori in tutta Europa, dopo la decisione della compagnia aerea irlandese di annullare fino alla fine di ottobre, da 40 a 50 voli al giorno coinvolgendo circa 400 mila passeggeri, per permettere di godere delle ferie ai propri dipendenti. Questi i voli: Bergamo-Palermo e Palermo-Bergamo di sabato 16 e dei voli Bologna-Palermo e Palermo. Bologna di domani mercoledì 20 settembre. Ryanair informa che gli interessati saranno avvisati tramite email e potranno prenotare un altro volo gratuitamente o essere rimborsati del biglietto acquistato.

“Avevamo già denunciato nei giorni scorsi - dice Manlio Arnone presidente dell’Unione dei Consumatori – l’odissea per i passeggeri del volo Ryanair Palermo-Bologna dello scorso 11 settembre, una vicenda paradossale che potrebbe divenire insostenibile in questi giorni, per coloro che hanno subito o subiranno disagi e volessero valutare la possibilità di ottenere un rimborso del biglietto o ancora un indennizzo per il disagio patito possono rivolgersi al nostro numero 0918439038, oppure al nostro sito:http://www.unionedeiconsumatori.it”.

Ryanair ha recentemente annunciato che annullerà fino a 50 voli al giorno nelle prossime sei settimane, per migliorare e garantire la puntualità dei propri voli. AirHelp, il servizio di reclami per disservizi di volo che in 4 anni ha aiutato oltre 3 milioni di passeggeri ad ottenere oltre quasi 200 milioni di euro dalle compagnie aeree per i loro voli in ritardo o cancellati, anche in questo caso sottolinea come i passeggeri debbano fa valere i propri diritti e richiedere i risarcimenti ove disponibili. Solitamente meno del 2% degli aventi diritto richiede il risarcimento.

“Cancellando circa duemila voli, Ryanair cerca di migliorare le proprie performance, ma a danno dei propri stessi clienti”, afferma Lorenzo Asuni, Country Manager Italia di AirHelp. “I passeggeri coinvolti possono avere diritto a un rimborso fino a 400 euro a prescindere dal prezzo del biglietto, se la compagnia aerea ha fornito meno di 14 giorni di preavviso. I passeggeri dovrebbero quindi prestare molta attenzione a quando ricevono la notifica per iscritto da Ryanair sull’annullamento del volo: deve essere inviata a ciascun passeggero singolarmente e non è assolutamente sufficiente un annuncio generale. La compagnia aerea deve offrire una tratta alternativa che non superi le 2 ore precedenti l’orario iniziale e che arrivi meno di 4 ore dopo il volo originale, o un rimborso completo del prezzo del biglietto più una compensazione”.

In generale, le cancellazioni e i ritardi dei voli possono dare diritto ai passeggeri aerei ad un risarcimento fino a 600 euro. L'importo del rimborso dipende dall‘entità del ritardo alla destinazione, dalla distanza di volo e dal motivo del ritardo o della cancellazione. I passeggeri interessati possono richiedere la loro indennità fino a 3 anni dopo la data del volo.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ryanair, cancellati voli "palermitani": "Vicenda paradossale, chiedete il rimborso"

PalermoToday è in caricamento