Cronaca Arenella-Vergine Maria / Via Papa Sergio I

Rubato l’escavatore per le sepolture Rotoli, ora è emergenza inumazioni

Sul furto, avvenuto la scorsa notte, indaga la polizia per accertare eventuali responsabilità. Due custodi rischiano il posto. Intanto al cimitero ci sono oltre 160 bare a deposito. La Gesip ha noleggiato una nuova pala meccanica

Da un paio di giorni lavorava a pieno regime per cercare di risollevare l’emergenza salme al cimitero di Santa Maria dei Rotoli dove in deposito ci sono circa 160 salme. E invece la notte scorsa l’escavatore che serve a realizzare le fosse nei campi d’inumazione è stato rubato. Un raid che ha lasciato segni evidenti all’interno del camposanto: le strisce dei cingoli per terra e lapidi e muretti distrutti. In corso le indagini della polizia per rintracciare i responsabili e comprendere le eventuali responsabilità dei due custodi che ora rischiano il posto di lavoro.

“Non sono decisioni che prendiamo a cuor leggero – ha commentato il liquidatore di Gesip Massimo Primavera -. Ma sono segnali che non si può non dare in una situazione talmente grave”. Non p lontano dalle posizioni di Primavera neanche Gabriele Marchese, direttore degli Impianti cimiteriali del Comune: “A Palermo – ha commentato - si sta cominciando a ritornare a epoche passate nelle quali queste cose erano la normalità”. Gesip, intanto, cerca di mettere le toppe e ha già affittato un nuovo escavatore: “Se le condizioni meteorologiche ci assistono – ha spiegato Primavera – da domani dovremmo tornare a seppellire perché abbiamo già pensato a noleggiare una nuova pala meccanica”.  
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubato l’escavatore per le sepolture Rotoli, ora è emergenza inumazioni

PalermoToday è in caricamento