Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca Tribunali-Castellammare / Via Bologni

Smontano parafulmine di una scuola per rubare il rame: presi tre giovani

Si sono arrampicati sul tetto dell'istituto Mategna-Borsellino per accaparrarsi l'"oro rosso". Ma sono stati visti da alcuni passanti che hanno avvertito il 113. Provocati danni per diecimila euro

Pur di recuperare quel rame erano disposti a tutto. Perfino a mettere a rischio l'incolumità degli studenti (e la propria) sabotando il sistema "parafulmine" di una scuola. I poliziotti dell'Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della Questura hanno tratto in arresto tre giovani malviventi palermitani, F. P di 25 anni, A.G. di 18 e un diciassettenne responsabili del reato di tentato furto aggravato in concorso. I tre, insieme ad altri due complici, ancora ignoti, sono stati capaci di mettere a repentaglio la loro vita, pur di raggiungere il tetto dell’istituto comprensivo Mantegna-Borsellino di via Bologni e disistallare il sistema utilizzato per scaricare l’energia proveniente dai fulmini.

A rendere particolarmente appetibile il sistema “parafulmine”, il particolare legato alla sua composizione in rame. Dopo strade urbane, cabine di energia elettrica e binari delle ferrovie anche gli istituti scolastici sono diventati quindi bersaglio di procacciatori senza scrupolo del famigerato “oro rosso”. Quando le volanti della polizia, allertate dalla segnalazione di alcuni passanti sono giunte in via Bologni tre dei complici erano ancora sul tetto dell’edificio ed avevano quasi completamente divelto le grate del sistema parafulmine e ricavato parecchi metri di rame, circa 100 metri, già raggomitolato lungo l’asse perimetrale dell’istituto.


I tre, alla vista degli agenti, si sono calati agilmente dal tetto sfruttando appunto un cavo in rame e tentavano di scavalcare la ringhiera così come altri due complici provenienti dal piano seminterrato. Durante le concitate fasi della fuga i complici avevano lanciato uno zaino contenente cesoie ed arnesi utilizzati per tranciare e mettere fuori uso il sistema. Tutti e tre i complici venivano tratti in arresto mentre ricerche sono in corso per risalire alle identità dei fuggitivi. Il responsabile scolastico giungeva in via Bologni dopo essere stato allertato dalla polizia e non ha potuto far altro che constatare la manomissione dell’impianto per un danno orientativo stimato oltre i 10 mila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Smontano parafulmine di una scuola per rubare il rame: presi tre giovani

PalermoToday è in caricamento