rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca Via Sampolo

Ruba in un supermercato di via Sampolo, poi prende a calci e pugni i poliziotti: preso

Arrestato un gambiano di 19 anni per i reati di minaccia e violenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e furto. Decisivo anche l'intervento in via Arimondi da una pattuglia di militari dell’Esercito Italiano

Ruba in un supermercato di via Sampolo, poi scappa e per cercare di sfuggire l'arresto prende a calci e pugni i poliziotti. Protagonista della vicenda un cittadino gambiano di 19 anni, che martedì pomeriggio si è responsabile di un tentativo di furto all’interno di un market. "Ha cercato la fuga dopo aver riempito uno zaino di merce rubata - dicono dalla polizia - quindi con violenza e sfrontatezza si era fatto largo tra i dipendenti del market che avevano cercato, invano, di bloccarlo".

A distanza di qualche minuto il ragazzo è stato intercettato in via Arimondi da una pattuglia di militari dell’Esercito Italiano, impegnati nell’operazione “Strade Sicure”. Quasi contemporaneamente è arrivata una volante dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico.

"Ma il giovane - raccontano dalla questura - per nulla remissivo ed arrendevole, più volte ha disatteso le indicazioni dei poliziotti di salire sulla vettura di servizio ed anzi si è dimenato, ha scalciato e sbracciato con violenza, aggredendo e minacciando gli agenti, i quali sono stati costretti a fare ricorso agli strumenti di coercizione in dotazione. La reazione del gambiano oltre a provocare lievi ferite ai poliziotti, ha arrecato anche vistosi danni ad una delle vetture di servizio".

Il giovane, pertanto, una volta riportato con difficoltà alla calma, è stato portato nelle camere di sicurezza della Questura, dove ha trascorso la notte. Alla fine è stato convalidato il suo arresto per i reati di minaccia e violenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e furto.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba in un supermercato di via Sampolo, poi prende a calci e pugni i poliziotti: preso

PalermoToday è in caricamento