rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca Politeama

Il Rotary club Palermo Montepellegrino dona pasti caldi alle persone sole e in difficoltà

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Tornano per strada i soci del Club Rotary Palermo Montepellegrino, stavolta a sostegno dei tanti poveri che costellano le strade della città di Palermo. "Un intervento necessario che va ad integrarsi a quelli che già promuoviamo e che avrebbero ulteriormente bisogno di attenzione e implementazione. Facciamo leva sulle nostre braccia, sulla nostra buona volontà, sull’amicizia della nostra amica Enza Pizzolato che ci fornisce i pasti", ha commentato Antonio Fundarò, ricordando che Palermo non è solo la magnifica città d’arte che conosciamo ma è anche una città alla ricerca costante di accoglienza e di promozione umana. Questo è lo spirito gioioso che anima i Rotariani del club Palermo Montepellegrino, per una sera diversa e partecipata insieme a chi vive quotidiane difficoltà.

Costante, dunque, resta l’attività del Club, guidato da Antonio Fundarò, a favore di persone indigenti o senza fissa dimora che si sostanzia anche nel mensile "Briciole rotariane di salute" a favore di alcune parrocchie del territorio, in primis quella dell’Abbazia di San Martino delle Scale e della Chiesa di Maria Assunta. «Il servizio è per noi un valore vivo e da coltivare a favore degli ultimi. E le festività devono spingerci ad andare oltre quello che facciamo nell'ordinarietà» ha spiegato Antonio Fundarò, presidente del Rotary Club Palermo Montepellegrino. "Un momento di convivialità per chi vive in solitudine e che in questo momento di incontro, fatto di relazioni umane, trova forza e principalmente sorriso",come ha tenuto a precisare l’avvocato Mario Antonio Vitiello a margine della nottata.

"E' bello, gratificante e appassionante poter dare un contributo» ha raccontato ancora Enza Pizzolato, socia onoraria del club, titolare dell'omonima pasticceria in Alcamo (via fratelli Sant'Anna 39), donatrice dei 110 pasti caldi (pasta al forno con ragù di carne, polpette, salsiccia, contorno, panino, due dolci natalizi di fichi e una pastina di mandorle) che, anche stavolta, hanno assicurato un poco di serenità ad altrettanti uomini e donne con i quali i soci del club, Giacinto Marra, Mario Veca, Mario Antonio Vitiello e il presidente Fundarò, hanno scherzato e scambiato opinioni su queste feste e sulla vita.

"Perché l’importante è vivere con loro, accanto a loro, questo pasto caldo" ha affermato l’odontoiatra Giacinto Marra. Pasti confezionati grazie alla presenza in cucina, oltre che della superna Enza Castrenza Pizzolato e della figlia Mariacristina Todaro, dei soci Antonio Fundarò, Ninni Genova e Filippo Nobile. "Accanto a quelli delle festività restano invariati gli altri appuntamenti, garantiti, sempre e comunque, grazie alla generosità di Enza Pizzolato", ha commentato il dirigente scolastico Mario Veca, anche lui in prima linea nella distribuzione serale e notturna che il Rotary Palermo Montepellegrino garantisce in una Palermo addormentata e, talvolta, distratta.

"Abbiamo raggiunto i poveri anche nelle loro case, nei luoghi ove lavorano durante le notti fredde. Abbiamo conosciuto, talvolta, i loro familiari e abbiamo ascoltato le loro storie, le loro paure, le loro sofferenze. Come è evidente, in questa città metropolitana, le sofferenze sono davvero molteplici e molte sono davvero nascoste" ha ribadito il presidente del Club Antonio Fundarò rinnovando l’impegno a favore degli ultimi e di chi vive nel più totale oblio.

Il Rotary è servizio ed il service è l’anima e l’essenza stessa di questa associazione mondiale che non cessa mai, neppure la notte, di assicurare la propria presenza alle comunità e al mondo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Rotary club Palermo Montepellegrino dona pasti caldi alle persone sole e in difficoltà

PalermoToday è in caricamento