Al Rotary club Palermo Montepellegrino rl’attestato del presidente internazionale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Consegnato, stamattina ad Enna, nel corso del Seminario distrettuale sulla “Rotary Foundation e sulla gestione delle Sovvenzioni”, al Rotary Club Palermo Montepellegrino, l'attestato Rotary del Presidente Internazionale Barry Rassin con distinzione in oro per le attività di servizio e quale particolare riconoscimento ai soci e al presidente del Club Ninni Genova, dell’anno rotariano 2018-2019, per avere sostenuto, con convinzione, determinazione e apporto personale, ognuna delle priorità strategiche prefissate a livello internazionale, completando molte delle attività.

Barry Rassin, presidente del Rotary International, per l’anno 2018/2019, nel presentare l’importanza delle attestazioni presidenziali, delle vere e proprie benemerenze, ha affermato che "sin dalla sua fondazione, il ruolo del Rotary nel mondo e nella vita dei suoi soci è sempre in uno stato di continua evoluzione. Agli albori, il Rotary offriva ai soci un modo per ritrovarsi in compagnia, creare amicizie e allacciare contatti in seno alla loro comunità. Poco dopo, il service ha trovato posto nel Rotary, e con l’ampliamento della nostra organizzazione, ne ha fatto seguito la sua influenza. Nel tempo, il service del Rotary, finanziato dalla nostra Fondazione Rotary, ha cambiato la vita di famiglie e comunità di tutto il mondo. Abbiamo realizzato partnership e focalizzato il nostro service per accrescere il nostro impatto. Abbiamo lanciato la più grande iniziativa di salute pubblica e privata del mondo, in collaborazione con governi, organizzazioni internazionali e innumerevoli organi della Sanità locali e regionali per eliminare la polio. Sempre più, i nostri soci sono venuti a cercare non solo amicizia ma un modo per passare all’azione, per fare del bene nel mondo".

"Il service del Rotary – ha tenuto a ribadire il presidente del Rotary Club Palermo Montepellegrino, per l’anno rotariano 2018 – 2019 - trasforma le vite e le comunità. Per trarre maggior beneficio da questo service davvero trasformativo, dobbiamo pensare in modo diverso al nostro ruolo nel Rotary e al ruolo del Rotary nel mondo. Dobbiamo mettere sempre più l’accento sulla nostra immagine pubblica attraverso i social media, per far crescere il nostro effettivo e attrarre i partner in grado di aiutarci a migliorare il nostro service. Dobbiamo concentrarci sui progetti di maggiore portata con un impatto più duraturo, studiando e pianificando attentamente opere che richiedono diversi anni per il loro completamento e vari passaggi del testimone tra i leader rotariani. Fondamentalmente, dobbiamo ispirare il cambiamento positivo, ispirando i nostri club, le nostre comunità e la nostra organizzazione per affrontare le sfide di oggi, con coraggio, ottimismo e creatività. Questo, con tutti i soci, ho cercato di fare e, a quanto pare, ci siamo riusciti, lo scorso anno rotariano, governatore Titta Sallemi". "Il mio grazie, a nome principalmente di tutto il club, va al presidente internazionale Barry Rassin, per l’attestato concesso, e al governatore 2018-2019, del Distretto Rotary 2110, il dottore Titta Sallemi, per averci supportato in questo piacevole anno rotariano. Un grazie a tutti i soci, nessuno escluso, che hanno permesso che tutto ciò si realizzasse» ha concluso l’architetto Ninni Genova, visibilmente emozionato, attorniato da numerosi dirigenti del club, tutti ad Enna. Paul Harris ha dichiarato: "Il Rotary è un microcosmo di un mondo in pace, un modello che le nazioni faranno bene a seguire». «Secondo me – ha affermato Barry Rassin - il Rotary non è solo un modello ma un’ispirazione. Ci mostra ciò che è possibile fare, ci ispira a realizzarlo e ci offre un modo per agire nel mondo. Siate di ispirazione".

Torna su
PalermoToday è in caricamento