Cronaca Romagnolo

Recuperato cadavere in mare: si indaga sulle cause della morte

Il corpo senza vita di un uomo è stato recuperato dai sommozzatori dei vigili del fuoco dopo l'allarme lanciato da un pescatore. La vittima aveva i pantaloni, ma era a torso nudo. Sconosciuta l'identità

Il porticciolo di Sant'Erasmo

Il cadavere di un uomo è stato recuperato ieri pomeriggio dai sommozzatori dei vigili del fuoco sul lungomare di via Messina Marine, non lontano dall'ospedale Buccheri la Ferla, nella zona di Romagnolo. L'allarme sarebbe stato dato da un pescatore.

La vittima aveva i pantaloni ma era a torso nudo. Sembra che abbia un’età compresa tra i 40 e i 45 anni. Ma non si conosce ancora l’identità. La procura ha aperto un'inchiesta per capire le cause della morte. Il medico legale ha fatto una prima ispezione cadaverica. L’uomo secondo i primi rilievi sarebbe rimasto in mare almeno tre giorni.

Il cadavere poi è stato trasportato presso la base dei vigili del fuoco all’interno del porto. Sul posto, oltre al medico legale, è arrivato il magistrato di turno. Adesso si cercherà di capire se si tratti di un omicidio, di un suicidio o di una morte accidentale.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Recuperato cadavere in mare: si indaga sulle cause della morte

PalermoToday è in caricamento