Cronaca Libertà / Via Generale Eugenio Di Maria

Ritrovata l'auto del gestore di bar scomparso lo scorso 31 gennaio

La "Kia Sorrento" di Vladimiro Miragliotti era posteggiata in via Generale Di Maria, nei pressi della stazione Notarbartolo. La polizia segue la pista dei debiti contratti dall'uomo

Vladimiro Miragliotti, 43 anni

Era posteggiata a pochi metri dal cinema Jolly, in via Generale Di Maria, l’auto di Vladimiro Miragliotti, il gestore dell’omonimo bar di cui non si hanno più notizie dal 31 gennaio scorso. Ad avvertire i poliziotti è stato un cittadino che ha telefonato al 113 dopo aver seguito il caso alla trasmissione “Chi l'ha visto”. L’auto ha un finestrino posteriore rotto, parzialmente coperto con del nastro adesivo. Sulla vettura stanno eseguendo i rilievi i poliziotti della Scientifica.

Vladimiro Miragliotti, 43 anni, gestisce con la famiglia un bar in via Pindemonte. L'ultima persona ad entrare in contatto con lui è stata la moglie. Non vedendolo ritornare, il pomeriggio del 31 gennaio intorno alle 16,30 la donna lo ha chiamato al cellulare e lui l’ha tranquillizzata, dicendo che si trovava in piazza Amendola e che doveva andare alla casa di campagna ad Altavilla Milicia per dar da mangiare al cane. Da allora però non è tornato, né ha dato notizie e il suo cellulare risulta spento. Probabilmente non era in piazza Amendola all'ora indicata e in campagna non risulta essere mai andato. Allarmati, i familiari in serata hanno fatto, senza esito, il giro degli ospedali cittadini. Solo una donna, incontrata al Policlinico, vedendo la sua foto lo avrebbe riconosciuto nell’uomo incontrato, a piedi e da solo, all’ingresso della stazione centrale alle 17. L’uomo, che potrebbe avere con sé la patente e la carta d’identità, sta attraversando un difficile periodo lavorativo e la famiglia è molto preoccupata.

Gli investigatori stanno vagliando amicizie e frequentazioni di Miragliotti, che è incensurato e non ha mai avuto problemi con la giustizia. Al vaglio ci sono soprattutto i suoi problemi economici. La polizia sta cercando di individuare i creditori del titolare del bar e l’ammontare della cifra. Una delle ipotesi potrebbe essere la fuga più o meno volontaria causata dai debiti.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ritrovata l'auto del gestore di bar scomparso lo scorso 31 gennaio

PalermoToday è in caricamento