menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Porticello, recuperata nella "secca della formica" un'anfora del quarto secolo

L'operazione si è resa necessaria dopo un sopralluogo che aveva evidenziato un tentativo di trafugamento. Il reperto che si trovava nella frazione di Santa Flavia, una volta restaurato, verrà esposto al Museo della navigazione all'Arsenale

Un’anfora "a siluro" databile alla seconda metà del IV secolo avanti Cristo è stata recuperata questa mattina dai fondali di Porticello, a Palermo, a seguito di un’operazione coordinata dalla Soprintendenza del mare della Regione siciliana con il responsabile del gruppo subacqueo Stefano Vinciguerra, la capitaneria di porto di Porticello, la guardia di finanza con il maresciallo nucleo sommozzatori, Riccardo Nobile. L’operazione di recupero si è resa necessaria a seguito delle consuete operazioni di tutela e monitoraggio svolte dai collaboratori esterni di Sicilia Archeologica guidati da Gaetano Lino, nel corso delle quali è stato evidenziato un tentativo di trafugamento.

"La solerte collaborazione dei volontari e lo scrupoloso controllo della Soprintendenza mare sul patrimonio sommerso, hanno permesso di assicurare ancora una volta un prezioso reperto archeologico al patrimonio della Regione. L’importante operazione di recupero che si è svolta questa mattina - dichiara l’assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà - è frutto di quella collaborazione costante tra le istituzioni e i cittadini. E’ a tutti loro che va il ringraziamento del governo regionale per la costante vigilanza e attenzione, grazie alla quale si è in grado di garantire e recuperare preziose testimonianze del passato".

L’intervento, che si è svolto tra venerdì 17 e sabato 18 dicembre, ha visto impegnata in prima linea la soprintendente del mare, Valeria Li Vigni. Importante la collaborazione dei volontari del Bc Sicilia. La "secca della formica" a Porticello custodisce un sito importante dove si trova un relitto che nel tempo è stato oggetto di atti di depredazione tanto da sollecitare, da parte della Soprintendenza del mare la richiesta alla capitaneria di è porto, di emettere l’ordinanza di interdizione dell’area. L’anfora, dopo le necessarie operazioni di ripulitura, verrà esposta al Museo della navigazione all’Arsenale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento