menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto archivio)

(foto archivio)

Comune contro inquinamento e traffico, tornano le targhe alterne: al via dal 26 aprile

Accantonata per il momento l'ipotesi Ztl, l'Amministrazione ha "ripiegato" sul provvedimento che limiterà gli automobilisti in base alla motorizzazione della propria macchina e al giorno del calendario. Multe da 163 per i trasgressori. Ecco le vie sempre percorribili

Dopo essere stato costretto a mettere da parte (almeno temporaneamente) il progetto delle Ztl, il Comune ha dovuto "ripiegare" sulle targhe alterne. Il provvedimento scatterà il prossimo 26 aprile, giorno in cui i vigili torneranno a controllare le auto in circolazione e multeranno i trasgressori con sanzioni da 163 euro. Nei prossimi dieci giorni, dunque l’Amat sostituirà i cartelli delle zone a traffico limitato con quelli nuovi per evitare, come avvenuto in passato, che le multe vengano annullate dai giudici di pace per la mancanza di segnaletica adeguata. La misura antismog dell’Amministrazione, valida dal lunedì al venerdì, riguarderà le auto con motorizzazione Euro 0, 1, 2 e 3.

Gli automobilisti palermitani, per non incorrere nelle sanzioni, dovranno fare i conti con il calendario. Nei giorni pari potranno circolare i mezzi che hanno l’ultimo numero della targa pari (viceversa nei giorni dispari). Le targhe alterne saranno valide dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 20, mentre sabato e domenica la circolazione sarà libera. L’area è quella che va dalla Circonvallazione a via Messina Marine. La necessità di rispolverare l’ordinanza è stata dettata dal pronunciamento del Tar, che prima ha sospeso l’entrata in vigore delle Ztl, poi ha rinviato tutto al prossimo novembre, prendendosi il tempo di analizzare il provvedimento nel merito e capire quali modifiche apportare.

Sono previsti comunque dei "corridoi" liberi, ovvero non compresi dal provvedimento: si tratta di viale Regione Siciliana (compresa la laterale lato monte), tutte le strade a monte della circonvallazione, i tratti di accesso in entrata e in uscita per i parcheggi Giotto, Emiri, Francia, Basile. Stesso discorso per le strade di collegamento usate dai veicoli in uscita dal porto verso le autostrade. Per raggiungere la A19 (per andare verso Messina e Catania) le vie da percorrere sono via Crispi, via Cala, Foro Umberto I, via Messina Marine, via Galletti, via Pomara, ingresso autostradale di Villabate (e viceversa). Per raggiungere la A29 per Trapani, uscendo dal porto le macchine utilizzeranno il percorso costituito dalle vie Crispi, Colombo, piazza Ucciardone, Montepellegrino, Rabin, Martin Luther King, Imperatore Federico, Don Bosco, piazza Leoni, viale del Fante, via Cassarà, via De Gasperi, via Ausonia, Praga e Belgio (e viceversa)

Resta esclusa dal provvedimento anche la viabilità relativa alla borgata marinara di Mondello compresa fra Capo Gallo, la fascia costiera sino all' altezza di via Colapesce, via Venere, piazza Castelforte, viale dell' Olimpo, piazza Bolivar. Ad ogni modo l’ordinanza non interesserà gli automobilisti a bordo di veicoli a gpl, a metano, ibridi, elettrici e quelli con motorizzazione da Euro 4 in su, oltre ai ciclomotori catalizzati e alle moto a quattro tempi. Stesso discorsi per i veicoli delle forze dell'ordine, dei vigili del fuoco, della prefettura, della polizia municipale, dei pompieri, della protezione civile, per le ambulanze e i servizi di emergenza. Libera circolazione anche per i mezzi del trasporto pubblico, quelli che servono al trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili e le auto con disabile a bordo (solo se dotate del contrassegno comunale).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento