Cronaca

Fabrizio Frizzi, la pugnalata di Aldo Grasso: "In onda il giorno in cui è morto Falcone"

Il critico televisivo e la trasmissione della polemica, interviene Rita Dalla Chiesa: "Persa un'occasione per tacere, ero nel suo camerino e so quanto è stato male"

Rita Dalla Chiesa

Rita Dalla Chiesa non ci sta a leggere le parole che il noto critico televisivo Aldo Grasso ha riservato a Fabrizio Frizzi a qualche giorno dalla sua scomparsa. Nel pezzo dal titolo ‘Interroghiamoci su un Paese che non si ferma per Falcone ma si ferma per Frizzi’ pubblicato su Io Donna, Grasso ha descritto il conduttore come “un signore sorridente e garbato” soffermandosi sulla riflessione su “quelle che sono state additate come ingiustizie nei suoi confronti”.

Dopo aver passato in rassegna alcuni dei programmi condotti in passato da Frizzi come ‘Per tutta la vita’ e 'Miss Italia', il giornalista ha ricordato “quando Frizzi, e questo è il fatto più doloroso, mosse moderate critiche alla Rai perché lo aveva costretto ad andare in onda con la diretta di Scommettiamo che? il giorno in cui fu massacrato il giudice Giovanni Falcone”.

“Be’, se avesse trovato il coraggio, avrebbe potuto dire di no. Interroghiamoci su questo: un Paese che non si ferma per Falcone ma si ferma per Frizzi” ha scritto ancora Grasso al quale è arrivato, seppure in via indiretta, il commento di Rita Dalla Chiesa, che all'epoca era sua moglie.

Su Facebook a chi le ha chiesto un parere sull’articolo del critico televisivo, Dalla Chiesa ha risposto ripercorrendo quella drammatica giornata e anche i tormenti del conduttore a cui le stessa ha assistito: “Aldo Grasso ha perso la solita ottima occasione per tacere. Soprattutto su Falcone. Secondo lui, Fabrizio aveva il potere di fare saltare una trasmissione che, il direttore generale di allora, voleva andasse in onda per forza? Secondo lui Fabrizio non ci ha provato?? Ero nel suo camerino, quella sera, e so cosa è successo, quanto è stato male e quanto si è battuto per evitare la messa in onda. Perfino il giudice Caponnetto l’ha capito e gli ha scritto una bellissima lettera. Ad Aldo Grasso sfuggono troppe cose...”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fabrizio Frizzi, la pugnalata di Aldo Grasso: "In onda il giorno in cui è morto Falcone"

PalermoToday è in caricamento