rotate-mobile
Lunedì, 4 Luglio 2022
Cronaca Uditore-Passo di Rigano / Via di Blasi Giovanni Evangelista, 98A

Sale sul tetto e minaccia di dar fuoco alla villa, nuova protesta dell'ex moglie di Schillaci

Nuovo atto dimostrativo in via Di Blasi di Rita Bonaccorso, che insieme ad altre 4 persone è salita sul tetto con dei bidoni di benzina. Sul posto polizia e vigili del fuoco. Da anni è al centro di una vicenda giudiziaria, ieri aveva tentato il suicidio lasciando aperto il gas

Nuova protesta dell'ex moglie di Totò Schillaci, Rita Bonaccorso. Stamattina la donna, insieme ad altre quattro persone (non suoi parenti, ma forse facenti parte di un'associazione), è salita sul tetto della sua villa in via Evangelista di Blasi minacciando di dar fuoco all'abitazione. Sul posto è subito intervenuta la polizia che, con l'ausilio dei vigili del fuoco, ha provveduto a mettere in sicurezza l'area. "Si è trattato di un tentativo di attirare l'attenzione - spiegano dalla Questura - e una delle 4 persone presenti si è perfino gettato della benzina addosso. I cinque sono stati portati negli uffici di polizia per valurare le loro posizioni". (GUARDA IL VIDEO)

Ieri la donna era stata protagonista di un tentativo di suicidio: aveva lasciato aperto il gas all'interno dell'abitazione (VAI ALL'ARTICOLO). A salvarla - dopo essere stati allertati dai vicini - i vigili del fuoco e la polizia. In serata era arrivata la smentita della famiglia di Totò Schillaci, che aveva parlato di "un semplice malore". Ma il tentativo di suicidio è invece stato confermato dalla Questura.

Stamattina questo nuovo atto dimostrativo. Che si è concluso con l'arresto di un manifestante e la denuncia di altre tre persone. L'uomo che ha sostenuto la donna nella protesta, insieme ad altre tre persone, è stato arrestato per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Rita Bonaccorso invece non è stata denunciata.

Da anni l'ex moglie del bomber di Italia '90 è al centro di una vicenda giudiziaria. La villa in cui abita, valutata per oltre due milioni di euro, è stata messa all'asta dal tribunale. Decisione presa perchè la donna è rimasta coinvolta in una truffa legata al fallimento di un'attività commerciale nel Torinese. La donna si è sempre proclamata innocente e in suo favore ha testimoniato anche Schillaci. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sale sul tetto e minaccia di dar fuoco alla villa, nuova protesta dell'ex moglie di Schillaci

PalermoToday è in caricamento