Cronaca Uditore-Passo di Rigano / Via di Blasi Giovanni Evangelista, 98A

Sale sul tetto e minaccia di dar fuoco alla villa, nuova protesta dell'ex moglie di Schillaci

Nuovo atto dimostrativo in via Di Blasi di Rita Bonaccorso, che insieme ad altre 4 persone è salita sul tetto con dei bidoni di benzina. Sul posto polizia e vigili del fuoco. Da anni è al centro di una vicenda giudiziaria, ieri aveva tentato il suicidio lasciando aperto il gas

Rita Bonaccorso sul tetto insieme ad altre 4 persone

Nuova protesta dell'ex moglie di Totò Schillaci, Rita Bonaccorso. Stamattina la donna, insieme ad altre quattro persone (non suoi parenti, ma forse facenti parte di un'associazione), è salita sul tetto della sua villa in via Evangelista di Blasi minacciando di dar fuoco all'abitazione. Sul posto è subito intervenuta la polizia che, con l'ausilio dei vigili del fuoco, ha provveduto a mettere in sicurezza l'area. "Si è trattato di un tentativo di attirare l'attenzione - spiegano dalla Questura - e una delle 4 persone presenti si è perfino gettato della benzina addosso. I cinque sono stati portati negli uffici di polizia per valurare le loro posizioni". (GUARDA IL VIDEO)

Ieri la donna era stata protagonista di un tentativo di suicidio: aveva lasciato aperto il gas all'interno dell'abitazione (VAI ALL'ARTICOLO). A salvarla - dopo essere stati allertati dai vicini - i vigili del fuoco e la polizia. In serata era arrivata la smentita della famiglia di Totò Schillaci, che aveva parlato di "un semplice malore". Ma il tentativo di suicidio è invece stato confermato dalla Questura.

Stamattina questo nuovo atto dimostrativo. Che si è concluso con l'arresto di un manifestante e la denuncia di altre tre persone. L'uomo che ha sostenuto la donna nella protesta, insieme ad altre tre persone, è stato arrestato per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Rita Bonaccorso invece non è stata denunciata.

Da anni l'ex moglie del bomber di Italia '90 è al centro di una vicenda giudiziaria. La villa in cui abita, valutata per oltre due milioni di euro, è stata messa all'asta dal tribunale. Decisione presa perchè la donna è rimasta coinvolta in una truffa legata al fallimento di un'attività commerciale nel Torinese. La donna si è sempre proclamata innocente e in suo favore ha testimoniato anche Schillaci. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sale sul tetto e minaccia di dar fuoco alla villa, nuova protesta dell'ex moglie di Schillaci

PalermoToday è in caricamento