rotate-mobile
Cronaca

La rissa al Pay One, le immagini dei video non sono nitide: difficile risalire ai responsabili

L'inchiesta sulla baraonda avvenuta nella notte tra il primo e il 2 ottobre in via dei Nebrodi si complica. Le riprese non sarebbero chiare e gli investigatori stanno lavorando sulle liste dei partecipanti alla serata per trovare anche testimoni

I video ripresi dalle telecamere non sono nitidi e risalire ai responsabili della rissa avvenuta nella notte tra il primo il 2 ottobre scorsi al Pay One di via dei Nebrodi sta diventando più complicato del previsto. Tuttavia, dai primi accertamenti, sembra che si possa escludere un regolamento di conti o comunque uno scontro organizzato. Non sarebbero state poi utilizzate spranghe e bastoni, come inizialmente era emerso, ma oggetti ben più leggeri.

La pista della discoteca come un ring | Video

Gli investigatori, coordinati dal procuratore aggiunto Ennio Petrigni, stanno cercando di individuare possibili testimoni (se non gli stessi responsabili) lavorando sui nomi contenuti nella lista di partecipanti alla serata. 

La rissa era scoppiata prima dentro al locale - poi chiuso per un mese con un provvedimento del questore - e si era spostata fuori. Erano stati girati diversi video e si contava anche sulle riprese delle telecamere poste all'esterno della discoteca, ma le immagini sarebbero appunto poco nitide. Un ragazzo sarebbe rimasto ferito alla testa e una minorenne sarebbe stata invece colpita da un attacco di panico dopo essersi ritrovata in mezzo alla baraonda.

La rissa e il fuggi fuggi all'Isound

Su un'altra rissa, quella avvenuta a metà settembre all'Isound di via dell'Arsenale, gli investigatori erano riusciti ad individuare i responsabili e sarebbero tutti minorenni, tanto che gli atti sono stati trasmessi alla Procura competente.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La rissa al Pay One, le immagini dei video non sono nitide: difficile risalire ai responsabili

PalermoToday è in caricamento