rotate-mobile
Cronaca Partanna-Mondello / Viale dell'Olimpo

Una quarantina di ragazzini vuole entrare senza pagare, caos al Country: interviene la polizia

E' successo ieri sera. Un gruppo di giovanissimi ha iniziato a provocare i buttafuori ed è poi riuscito ad invadere il locale. Per sicurezza, la serata è stata sospesa. Il titolare a PalermoToday: "Succede sempre più spesso, abbiamo le immagini e denunceremo tutto"

Una banda composta da una quarantina di ragazzini si è presentata ieri sera al Country di viale dell'Olimpo e ha preteso di entrare senza pagare, provocando gli addetti alla sicurezza e riuscendo alla fine ad invadere il locale. Non ci sono stati feriti o danni, ma proprio per garantire l'incolumità dei tanti clienti che, invece, l'ingresso l'avevano pagato, si è deciso di sospendere la serata e di chiamare la polizia.

Sul posto, ieri sera, sono arrivate almeno 6 volanti e gli agenti sono riusciti a riportare la calma. Tra i clienti, però, si è diffuso il panico e quella che doveva essere una serata spensierata e di divertimento è diventata - per colpa dell'arroganza del gruppo di giovani - un momento di tensione.

Il titolare del Country, Vincenzo Di Fresco, conferma a PalermoToday l'accaduto e spiega: "Capita sempre che qualcuno cerchi di entrare senza pagare e riusciamo a risolvere la questione, ieri sera però erano veramente in tantissimi. Per evitare altri problemi e soprattutto di mettere a rischio la sicurezza dei nostri clienti, abbiamo deciso di sospendere la serata e chiamare la polizia". E aggiunge: "Tutto è stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza e lunedì presenteremo un esposto, non siamo disposti a tollerare questi comportamenti". Comportamenti che, di fatto, impediscono all'imprenditore di lavorare. 

"Sono episodi che si verificano anche in altri locali ed in altre città d'Italia. Da oltre un anno - continua Di Fresco - denunciamo questa situazione attraverso il nostro sindacato e chiediamo alla questura di garantire un presidio almeno in occasione delle serate più affollate. La risposta è che ci dobbiamo attrezzare con la vigilanza privata...". Ma poi, viene da dire, la polizia comunque è costretta ad intervenire, quindi forse sarebbe meglio prevenire.

La sospensione della serata, oltre alla paura, ha creato anche dei disagi ai clienti: "C'era un pullman di studenti in Erasmus che hanno dovuto aspettare un bel po' che il mezzo venisse a recuperarli - racconta Di Fresco - visto che avevano appuntamento alle 3 e non avevano messo in conto che sarebbe successo ciò che poi è accaduto. Stiamo cercando una soluzione per provare a rimborsare chi aveva regolarmente pagato per entrare". 

Gli episodi di violenza nei locali notturni sono sempre più frequenti e in molti casi - cosa che non è successa per fortuna al Country ieri sera - si arriva alle mani o alle spranghe. Molto spesso, peraltro, a provocare disordini e risse sono proprio gruppi di giovanissimi, anche minorenni, che impediscono a chi gestisce le attività e a chi organizza le serate di lavorare e ai clienti che rispettano le regole di divertirsi senza timori dopo aver pagato l'ingresso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una quarantina di ragazzini vuole entrare senza pagare, caos al Country: interviene la polizia

PalermoToday è in caricamento