Rissa a Ballarò, il prefetto: "Immediato rafforzamento dei controlli nel quartiere"

La decisione è arrivata nel corso di una riunione del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica, alla quale hanno partecipato anche Leoluca Orlando, i vertici delle forze di polizia territoriali e un rappresentante della Capitaneria di porto

Piazza del Carmine stamattina

Il nuovo prefetto di Palermo, Giuseppe Forlani, ha disposto nella serata di oggi "l’immediato rafforzamento dei servizi di controllo a Ballarò". La decisione è arrivata nel corso di una riunione del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica, alla quale hanno partecipato anche Leoluca Orlando, i vertici delle forze di polizia territoriali e un rappresentante della Capitaneria di porto. 

"Durante il vertice - spiegano dalla prefettura - è stato esaminato l’episodio che si è verificato nella serata di ieri in piazza del Carmine a Ballarò, zona che rientra tra le aree urbane connotate da una situazione di particolare fragilità sociale, dove si è consumata una violenta rissa per motivi in corso di accertamento, fra due gruppi di circa 30 persone ciascuno, costituiti da cittadini stranieri e residenti e che ha richiesto l’intervento di numerose pattuglie delle forze di polizia".

Nell’ambito del monitoraggio sulla corretta attuazione delle misure di contrasto e contenimento dell’attuale emergenza Coronavirus - hanno aggiunto dalla prefettura - "è stato fatto il punto sui controlli in tema di movida, mercati e sicurezza delle spiagge, anche in considerazione del ruolo di supporto delle pubbliche amministrazioni nella delicata fase del riavvio del sistema produttivo".

Forlani, 63 anni, è originario di Caserta: fino a pochi giorni fa era prefetto a Parma e prima ancora a La Spezia nel 2009. Ha preso il posto di Antonella De Miro, andata in pensione alla fine del mese scorso. Nel curriculum di Forlani spicca la sua preparazione in materia di Protezione civile e gestione dei disastri e delle emergenze idrogeologiche sul territorio, ma anche in tema di immigrazione e asilo politico. E' stato nominato prefetto il 21 luglio 2007 con l’incarico di direttore centrale dei Servizi civili per l’immigrazione e l’asilo nell’ambito del Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del ministero dell’Interno. Ha conseguito il master in negoziazione, mediazione e conciliazione alla Scuola superiore dell’amministrazione dell’Interno e l’Università Gregoriana. Dal 5 gennaio 2015 ai primi di maggio del 2020 ha ricoperto l’incarico a Parma. In quest’ultimi mesi ha gestito la grave situazione della pandemia che nella città dell’Emilia Romagna ha provocato tantissimi morti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento