rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Cronaca Malaspina

Rispettiamo e valorizziamo la nostra terra: protagonisti un centinaio di alunni della De Amicis Da Vinci

Il 4 aprile lo chef Concetta Calabrese del Dipartimento regionale della Protezione civile preparerà per loro un piatto di pasta e fagioli Una delle diverse attività previste dal progetto Futuri cittadini responsabili 2.0’

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Riscopriamo i legumi. Sono economici, salutari ed ecosostenibili. Ricchi di fibra e proteine di origine vegetale, non inquinano e addirittura assorbono dall’aria l’azoto che poi rilasciano nel terreno rendendolo ricco e fertile, riducendo l’impiego di fertilizzanti e di acqua per l’irrigazione. Sono tra quei cibi sani della nostra dieta mediterranea che le giovani generazioni conoscono poco ed è per questo che un centinaio di alunni dell’Istituto comprensivo De Amicis - Da Vinci di Palermo avranno occasione di assaggiare un buon piatto di pasta e fagioli con olio preparato dallo chef Concetta Calabrese del Dipartimento regionale della Protezione Civile. Appuntamento martedì 4 aprile, dalle 10, nella sede dell’Istituto in via Serradifalco 190.

Una delle diverse attività didattico-educative previste dal progetto ‘Futuri cittadini responsabili 2.0’ promosso da AssoCEA Messina APS in collaborazione con il NodolnFEA della Città Metropolitana di Messina. Il progetto che si articola in due moduli: Convivere con i rischi naturali (Coniri) a cura dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (INGV) e appunto ‘Pasta e Fagioli con l’Olio – La Dieta Mediterranea Ti fa bene’ con la collaborazione del Dipartimento regionale della Protezione civile, CAE Sps, Legumi Siciliani e IDIMED. Partner del progetto sono anche l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente (ARPA), Slowfood Sicilia, l’Associazione Sigea Sicilia per la promozione delle Scienze della Terra, nell’ambito del programma INFEA (INFormazione Educazione Ambientale) del Ministero dell'Ambiente.

Gli esperti delle organizzazioni promotrici del progetto realizzeranno giochi scientifici sui comportamenti sicuri, informazioni sulla tecnologia dei sistemi di allerta e attività laboratoriali sulla corretta alimentazione e il consumo di cibi sani. Il piatto di legumi sarà preparato a scuola nella cucina attrezzata per l’occasione, utilizzando alimenti offerti da tre realtà imprenditoriali che seguono la filosofia della filiera corta, della sostenibilità e dalla materia tutta siciliana: l’azienda Materland - Terravecchia Legumi della linea “Sole e Gusto di Sicilia”, pasta biologica Vallolmo trafilata al bronzo, prodotta con il migliore grano siciliano e acqua del Parco delle Madonie, essiccata a bassa temperatura, per conservare le proprietà nutritive del grano. Olio EVO del Consorzio Network dei Talenti società cooperativa sociale a vocazione bio -agricola il cui obiettivo principale è lo sviluppo e l’aggregazione sociale, seguendo i principi di legalità e solidarietà nella lavorazione degli uliveti confiscati alla mafia.

Le attività del 4 aprile si pongono in continuità con il percorso avviato la scorsa estate con il workshop “ELOGIO DELLA FRUGALITÀ. Giardini sensoriali a Scuola” - responsabili scientifici Renzo Lecardane professore di Composizione Architettonica e Urbana dell’Università di Palermo e la Dirigente scolastica dell’Istituto Giovanna Genco - nel quale i temi dell’alimentazione e del cambiamento climatico sono stati affrontati attraverso gli strumenti del progetto di architettura. A seguito del workshop, sotto la direzione dell’architetto Mariano Genovese, si stanno realizzando un Atelier Pergola e cinque giardini sensoriali che consentiranno di svolgere en plein-air attività didattiche, ludiche e comunitarie. “Il nostro Istituto dispone del servizio di refezione – dice la dirigente Giovanna Genco -. Sappiamo bene quanto sia importante l’attenzione al cibo e ad una nutrizione sana ed equilibrata dei nostri bambini. Questo evento è proprio la sintesi di buone pratiche educative e di una proficua collaborazione tra diverse realtà del territorio siciliano “

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rispettiamo e valorizziamo la nostra terra: protagonisti un centinaio di alunni della De Amicis Da Vinci

PalermoToday è in caricamento