menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Monte Gallo - foto Gaetano Di Stefano

Monte Gallo - foto Gaetano Di Stefano

Monte Gallo, rischio crolli a Barcarello: tredici famiglie dovranno evacuare

Dopo gli accertamenti il Sindaco ha stabilito che alcuni abitanti di via Barcarello e via Schillaci saranno costretti a lasciare le loro abitazioni. La Protezione civile ha evidenziato l'esistenza di massi pericolanti ad altezze di 15-30 metri

Resta ancora alto l’allerta per il rischio crolli su Monte Gallo e per questa ragione il Comune ha deciso di far evacuare tredici famiglie. Dopo la tragedia dello scorso 27 novembre in via Calpurnio, dove l'88enne Ornella Paltrinieri è morta dopo essere stata travolta dai detriti piombati in camera sua (GUARDA VIDEO), e gli accertamenti della Protezione civile, il primo cittadino Leoluca Orlando ha emesso un’ordinanza sindacale per assicurarsi che alcune famiglie di via Barcarello e via Schillaci abbandonino temporaneamente casa. L’ingegnere Antonio Musso è stato nominato dall’Amministrazione titolare del procedimento.

Il provvedimento è stato emesso lo scorso 28 gennaio, a seguito del sopralluogo del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico che ha evidenziato i rischi per la presenza “in posizione di elevato pericolo di crollo di alcuni elementi di dimensioni notevoli" ad un'altezza che va dai 15 ai 30 metri. Nonostante l’Amministrazione abbia sottolineato che gli esiti della relazione siano “basati su ispezioni visive non suffragate da indagini puntuali in parete e prive di calcoli geotecnica sulla stabilita geomorfologica”, il pericolo cui potrebbero andare incontro le famiglie è troppo alto per permettere loro di restare nelle proprie abitazioni.

Il 27 gennaio, dopo un altro sopralluogo dei tecnici dell’Ufficio di protezione civile insieme al personale della polizia municipale, il Comune ha avvisato i proprietari degli immobili, che ricadono in zona “R4 rischio molto elevato del Piano assetto idrogeologico”, della scelta che avrebbe preso di lì a breve. E così, per non correre ulteriori rischi, il primo cittadino emesso l’ordinanza che prevede lo sgombero immediato di quattro case in via Schillaci e nove in via Barcarello.

Gli effetti del provvedimento, spiega l’Amministrazione, cesseranno dopo l’esecuzione di ulteriori indagini puntuali in parete e “a condizione che le stesse conducano ad attenuare le condizioni di rischio specifico riconducendole a quelle ordinariamente previste dal Piano assetto idrogeologico per le aree classificate R4”.

Scarica il testo completo dell'ordinanza numero 23 del 28 gennaio 2016.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento