Rischio crolli sull'abitato di San Giuseppe Jato: la montagna sarà messa in sicurezza

Intervento della Regione, il finanziamento complessivo ammonta a un milione e 650 mila euro. Le recenti relazioni di natura geologica lasciano infatti pochi dubbi: i pericoli sono reali. Sarà necessario realizzare una serie di barriere paramassi

La montagna di San Giuseppe Jato

Le recenti relazioni di natura geologica sul monte che sovrasta la zona sud del centro abitato di San Giuseppe Jato non lasciano dubbi: il pericolo di crolli dalle pareti rocciose è reale. "D'altronde, su quella porzione di costone, dove fino a una trentina d'anni fa era attiva una cava, si erano già rese necessarie in passato alcune opere di consolidamento senza che, tuttavia, si potesse realizzare un progetto di difesa completo - dicono dalla Regione -. L'intervento sarà assicurato adesso dall'Ufficio contro il dissesto idrogeologico guidato dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci".

Il finanziamento complessivo ammonta a un milione e 650 mila euro e la Struttura diretta da Maurizio Croce ha già pubblicato la gara per affidare i lavori, fissando al prossimo quattordici gennaio il termine ultimo per ricevere le domande. Il versante sul quale si dovrà intervenire è interessato da un’intensa fratturazione, che è stata amplificata proprio dalle attività di estrazione del materiale dell'ex cava “Traina” e che ha determinato la formazione di un numero elevato di blocchi instabili di dimensioni variabili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sarà, dunque, necessario, realizzare una serie di barriere paramassi e procedere all'imbracatura, mediante funi d'acciaio, degli elementi lapidei più piccoli. Le porzioni di roccia di grosse dimensioni saranno invece bloccate con tiranti e chiodature e dovranno, inoltre, essere applicati alcuni pannelli di rete ad alta resistenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Vendono frutta e verdura con il reddito di cittadinanza in tasca, nei guai 2 fratelli

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento