Riscaldamenti fuori uso alla scuola Di Matteo, i bambini restano a casa: la protesta delle mamme

"Termosifoni guasti già prima di Natale. Fino a quando non verranno ripristinati, i nostri figli non entreranno in classe". Così Alessandra Zeoli, genitore di uno dei bimbi che frequenta la scuola di via Enea Rossi. Il Comune: "Caldaia spenta per una perdita nella tubatura dell'acqua"

La targa posta all'ingresso della scuola

Alla scuola comunale dell'Infanzia Giuseppe Di Matteo i riscaldamenti non funzionano e un gruppo di mamme decide di non far entrare i propri figli dentro le aule gelide. E' accaduto stamattina, alla riapertura della scuola dopo le vacanze natalizie. "I termosifoni erano già fuori uso prima di Natale. Ora però il freddo è aumentato: meglio quindi che i bambini restino a casa, anziché farli ammalare a scuola". A parlare è Alessandra Zeoli, una delle mamme che stamattina hanno protestato con il personale della scuola.

Nell'immobile di via Enea Rossi, intitolato al piccolo Di Matteo (vittima nel '96 della brutalità della mafia che lo rapì e sciolse nell'acido), sono ospitate anche due classi della scuola statale "Ettore Arcoleo". "Mio figlio - aggiunge la signora Zeoli - frequenta la succursale della 'Arcoleo'. Stamattina, ho visto che alcuni bambini della scuola comunale sono entrati nelle aule con cappotti, sciarpe e cappellini. Io e altre mamme della statale abbiamo deciso diversamente. Fino a quando i riscaldamenti non verranno ripristinati, i nostri figli rimarranno a casa. C'è stato riferito che venerdì scorso alcune maestranze dell'Amg hanno provato invano a rimettere in funzione la caldaia. Spero che si possa tornare quanto prima alla normalità: ci sono genitori che lavorano ed hanno necessità di lasciare i bimbi all'asilo".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dall'assessorato comunale alla Scuola fanno sapere che "è stato necessario spegnere la caldaia che alimenta l'impianto di riscaldamento per una perdita alla tubatura dell'acqua". Perdita che, tra l'altro, ha allagato gli scantinati del palazzo dove si trova la scuola. "Il settore Edilizia scolastica - assicura il Comune - si è già attivato per riparare la tubatura ammalorata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Palermo, ragazza di 27 anni muore dopo avere mangiato gamberi

  • Coronavirus a Palermo, positive due commesse di un negozio

  • "Non ce n'è Coviddi!": ecco il videogioco per salvare Mondello dal virus

  • Tony Sperandeo: "Bestemmio ma vado in chiesa, ho superato la mia disgrazia"

  • Droga, furti ed estorsioni col benestare dei boss: due gruppi si dividevano la città, 20 arresti

  • Aveva un tumore al fegato, donna salvata da un intervento all'Ismett

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento