Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Università, ricorsi a Medicina: martedì riprende l’attività didattica

Creato un "terzo canale" chiamato Esculapio per i 143 nuovi immatricolati. Lezioni in viale delle Scienze. Gli studenti che già frequentavano il corso nei canali "Chirone" e "Ippocrate" riprenderanno regolarmente le lezioni nelle aule della Scuola di Medicina e chirurgia

Riprende martedì 21 l’attività didattica degli studenti del primo anno di Medicina dopo la sospensione scattata lunedì 13. I 143 studenti che hanno vinto il ricorso (sono quelli del decreto rettorale del 27 settembre scorso) sono stati immatricolati e frequenteranno da martedì le lezioni in un’aula da 220 posti a loro assegnata in viale delle Scienze, nel plesso della Scuola Politecnica. Per loro, che frequenteranno le lezioni dalle 14 alle 18, è stato creato un terzo canale didattico, chiamato Esculapio. Gli studenti che già frequentavano il corso nei canali “Chirone” e  “Ippocrate” riprenderanno regolarmente le lezioni nelle aule della Scuola di Medicina e chirurgia.

I docenti dei vincitori di ricorso afferiscono alla facoltà di Medicina o sono stati reclutati con contratto. Sono docenti delle materie del primo semestre del primo anno: Informatica, Inglese, Chimica, Fisica, Comunicazione in Medicina. Con questi 143, al momento, sono circa 240 gli studenti ricorrenti ammessi al corso di Medicina. Gli altri 100 sono distribuiti tra i corsi “Ippocrate”, “Chirone” e il corso attivato nella sede di Caltanissetta, intitolato “Ipazia”.

La commissione sta ora vagliando i curricula sia dei ricorrenti che dei vincitori per scorrimento di graduatoria per valutare chi di loro ha diritto a essere inserito in anni successivi al primo. Alcuni di loro, infatti, hanno accumulato crediti formativi ottenuti frequentando altri corsi di laurea, e quindi dovrebbero essere iscritti direttamente al secondo anno o ad anni successivi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università, ricorsi a Medicina: martedì riprende l’attività didattica

PalermoToday è in caricamento