rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca Oreto-Stazione / Via Giorgio Arcoleo

Piano terapeutico scaduto, fornitura di assorbenti e traverse a rischio per una donna invalida

Una 67enne avrebbe dovuto ricevere la nuova consegna di presidi forniti dalla Santex, ma così non è stato: "Difficoltà burocratica per rinnovare la pratica". Dall'Asp replicano: "La fornitura è stata autorizzata per altri sei mesi e la ditta sollecitata"

Da oltre un mese le è scaduto il piano terapeutico per assorbenti e traverse e da allora, nonostante numerosi solleciti, non è più riuscita a godere del servizio fornito dall'Asp di cui usufruisce dal 2007. I presidi, forniti dalla Santex, ditta che ha vinto la gara d'appalto, le spetterebbero poichè è invalida al 75 per cento ma la pratica del rinnovo sarebbe ancora ferma al palo. Il 14 marzo la donna avrebbe dovuto ricevere la nuova consegna ma così non è stato. Dall'Asp però rassicurano: "La fornitura è stata autorizzata già, dallo scorso 17 marzo e per la durata di sei mesi. La ditta interessata è stata sollecitata a provvedere". 

Tutto comincia il 7 marzo, data in cui termina il precedente piano teraputico. "Il giorno stesso - racconta una 67enne a PalermoToday - ho mandato una mail per chiedere il rinnovo. Non ricevendo nessuna risposta circa dieci giorni dopo ho scritto e inviato una mail di sollecito. Il 17 marzo ho chiamato la Santex, per sapere se avevano ricevuto le mie richieste e mi hanno detto di non aver ricevuto nulla. A quel punto - continua la donna - sono andata in via Giorgio Arcoleo, dove si trova l'Asp Guadagna, per parlare con il dottor Sutera che si occupa dei rinnovi dei presidi, il quale mi ha detto di lasciargli la ricetta e la domanda di rinnovo. Nonostante avessi inviato i documenti via mail ho lasciato tutto quello che mi hanno chiesto in formato cartaceo".

La fornitura però continua a non arrivare e così la 67enne fa passare un'altra decina di giorni e poi richiama la Santex. La risposta è sempre la stessa. "Mi hanno detto di non aver ricevuto nessuna richiesta. Così il giorno dopo sono ritornata nuovamente in via Arcoleo dove, mi hanno detto che nella mia pratica mancava l'invalidità. Così sono andata a casa, ho faccio le fotocopie e ho consegnato il tutto". La storia si ripete il 5 aprile. 

Nessuna novità nemmeno sulla fornitura di assorbenti e traverse di cui la 67enne avrebbe bisogno. Se non dovesse riceverli a breve sarà costretta ad acquistarli. Sarebbe la prima volta. "Non è mai capitato perché prima del Covid le pratiche venivano caricate di presenza col turno fisico e i tempi di consegna venivano rispettati. Ora invece di presidi me ne sono rimasti pochi". A  breve però, stando a quando riferito dall'Asp, la vicenda dovrebbe chiudersi positivamente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano terapeutico scaduto, fornitura di assorbenti e traverse a rischio per una donna invalida

PalermoToday è in caricamento