Rifiuti, un numero di telefono per segnalare gli sporcaccioni: l'idea del capo dei vigili

La linea telefonica sarà attiva nei prossimi giorni. L'obiettivo è stanare chi si ostina a non fare la differenziata o abbandona l'immondizia per strada. Marchese: "Sono certo che i cittadini che vogliono una città più pulita non esiterebbero a chiamare"

Rifiuti abbandonati sul marciapiede in via Sampolo

Un numero di telefono per segnalare chi si ostina a non fare la differenziata, chi abbandona i rifiuti per strada o li conferisce fuori orario. L'idea è del comandante della polizia municipale, Gabriele Marchese, che dalle colonne di Repubblica Palermo ha spiegato: "Se ci fosse un numero dedicato sono certo che i cittadini che vogliono una città più pulita non esiterebbero a chiamare. Noi poi potremmo intervenire su situazioni critiche croniche".

La linea telefonica sarà attiva nei prossimi giorni, ha promesso il capo dei vigili urbani. A gestire chiamate ed sms saranno a turno un paio di agenti. Un filo diretto con la polizia municipale che tutti i cittadini potranno utilizzare per stanare gli sporcaccioni che dal centro alla periferia violano quotidianamente le più elementari norme in materia d'igiene ambientale.

"La questione rifiuti - ha aggiunto Marchese - è ormai una priorità. Bisogna mettere in campo tutte le strategie per alzare la media della differenziata in città e salvaguardare il decoro urbano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

Torna su
PalermoToday è in caricamento