Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Strada St. 113

Emergenza rifiuti a Cinisi, a rischio ora anche la salute dei cittadini

L'immondizia non viene ritirata da una settimana. Il neo comitato civico chiede al Prefetto di intervenire immediatamente e al sindaco di dichiarare lo stato d'emergenza

Rifiuti sulla strada statale 113 a Cinisi

L'emergenza rifiuti a Cinisi è ormai anche sanitaria. I rifiuti non vengono raccolti da più di una settimana e invadono le strade. Stracolma anche la molto trafficata strada statale 113 che collega il comune alle porte di Palermo con i paesi confinanti di Carini e Terrasini. A rischio, dunque, anche la sicurezza degli automobilisti.

A lanciare l'allarme per la salute il neo costitituito comitato civico. “L’odore che si respira nell’aria è nauseabondo. La presenza di ratti e scarafaggi è sempre più consistente”, scrivono in un comunicato i cittadini-membri.

“Poiché la situazione sta letteralmente precipitando – continua la nota - considerato che a rischio c’è la salute pubblica, visto che la classe politica sembra assistere inerme davanti a questo scempio, si è costituito a Cinisi un comitato civico spontaneo. Si tratta di semplici cittadini, preoccupati  della propria salute, di quella dei propri cari e di tutti i concittadini”.

Il Comitato Civico chiede al Prefetto di Palermo di intervenire immediatamente per scongiurare qualsiasi grave conseguenza causata dalla situazione attuale e al sindaco di Cinisi, Salvatore Palazzolo di dichiarare immediatamente lo stato di emergenza sanitaria.

Come testimoniano le foto qui sotto sono mesi che a intervalli regolari il problema si ripresenta. E il peggio potrebbe ancora venire. I comuni hanno tempo fino al 30 settembre per provvedere ad avviare le nuove Società di regolamentazione del servizio di gestione dei rifiuti, come previsto dalle nuova legge. Se non lo faranno rischiano di essere commissariati.

I comuni di Cinisi e Terrasini una volta usciti dall'Ato 1, la società che al momento gestisce i rifiuti di 12 paesi della provincia e i cui conti sono in rosso, vorrebbero confluire nella "Terrasini servizi".

 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza rifiuti a Cinisi, a rischio ora anche la salute dei cittadini

PalermoToday è in caricamento