menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dipendenti Rap in agitazione: niente ritiro rifiuti ingombranti e "tagli" alla pulizia delle strade

L'appello del sindaco a sospendere la protesta è caduto nel vuoto e l'azienda riprogramma le attività in base al personale in servizio: fino al 15 febbraio niente ritiro a domicilio per oggetti di grosse dimensioni e riduzione dello spazzamento

Solo lunedì il sindaco Leoluca Orlando ha detto che la "Rap non ha alcun problema di solidità dei conti" e ha esortato le organizzazioni sindacali "a revocare lo stato di agitazione" definendo la protesta "un grave danno per la città" visto anche il periodo di pandemia. L'appello del primo cittadino è però caduto nel vuoto. L'azienda ha infatti annunciato che "fino a giorno 15 febbraio sarà sospeso il servizio di ritiro ingombranti a domicilio e sarà limitato il servizio di spazzamento, ad eccezione del centro storico cittadino e dello svuotamento dei cestini gettacarte".

La ragione della diminuzione dei servizi è proprio nel "protrarsi, dallo scorso 26 gennaio, dello stato di agitazione proclamato dalle organizzazioni sindacali". Per garantire la raccolta rifiuti, in sostanza, si "taglia" su altri fronti.

"Le maestranze assegnate ai sopradetti servizi (ritiro ingombranti a domicilio e spazzamento ndr), nonché quelli in quota parte non indispensabili ( i servizi a terzi che saranno parzialmente assicurati) - si legge in una nota della Rap - saranno, temporaneamente, destinate all'area raccolta indifferenziata per gli svuotamenti dei cassonetti dove insistono maggiori criticità e per eliminare, eventuali, accumuli di rifiuti presso le postazioni. Il personale interessato riguarda autisti e operai, compreso quelli da adibire a interventi straordinari laddove necessario l’ausilio delle pale meccaniche".

"Le azioni intraprese- spiega il presidente della Rap Giuseppe Norata - servono a mitigare e limitare l'insorgenza di una emergenza igienico sanitaria aggravata dalla corrente crisi da Covid".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento